Modena: chiusi due bar per reiterate mancate emissioni di scontrini fiscali.

Condividi su i tuoi canali:

None

Il 61% di violazioni riscontrate sul totale dei controlli effettuati in tutto il territorio provinciale.

 

Nei giorni scorsi i militari della tenenza della Guardia di Finanza di Mirandola hanno eseguito due provvedimenti di sospensione dell’attivita’ per tre giorni, emessi dalla direzione regionale dell’agenzia delle entrate di Bologna e di Milano, nei confronti di due bar, gestiti da cinesi, di Mirandola  e Medolla a seguito di quattro distinte mancate emissioni dello scontrino fiscale compiute in giorni diversi negli ultimi cinque anni.

Detta sospensione e’ stata operata in applicazione dell’art. 12 comma 2, del  decreto legislativo  472/97 il quale prevede, quale sanzione accessoria alla più ampia normativa che disciplina la regolare emissione della documentazione fiscale, la sospensione della licenza commerciale per un periodo che varia da un minimo di 3 giorni ad un massimo di 1 mese.

Dall’inizio dell’anno, in attuazione dei compiti di polizia economica e finanziaria affidati alla guardia di finanza dal legislatore, sono stati effettuati, nei confronti di tutte le categorie economiche, numerosi controlli tesi a verificare la regolare emissione dello scontrino e della ricevuta fiscale che hanno determinato, dall’inizio dell’anno, l’inoltro di 36 proposte di chiusura per le quali si e’ in attesa di riceve i rispettivi provvedimenti di sospensione dell’attività.

I controlli totali svolti sul territorio provinciale, nei primi quattro mesi dell’anno, sono stati 1.353 di cui 820 (il 61% di quelli totali) hanno dato luogo alla rilevazione di infrazioni.

Per questi ultimi, la norma (decreto legislativo 471/97) prevede, per la mancata emissione del documento fiscale, una sanzione amministrativa pari al 100% dell’imposta evasa che comunque non dovra’ essere inferiore a € 516,00.

 

Guardia di Finanza

Comando Provinciale Modena

il comandante provinciale

(col. t.sfp Alberto Giordano)

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Chi sporca, paga

O, almeno, così dovrebbe essere. Il sacro diritto al dissenso e alla protesta, che nessuno si sogna di negare, non deve sconfinare oltre i limiti.

Prepararsi a diventare vecchi

Un sacerdote, in un’omelia rivolta a un gruppo di settantenni, ha invitato a ‘prepararsi a diventare vecchi’ e la prima reazione: intanto vecchio bisogna riuscire

“Tutta un’altra aria”

È questo il titolo del convegno nel quale, i ricercatori di CNR-ISAC, ART-ER, PRO AMBIENTE e del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di ingegneria sanitaria