Misteri dolorosi e gaudiosi

Condividi su i tuoi canali:

Sperando di  non apparire blasfema, potrei associare a questi misteri altri misteri, italiani e non, decisamente  più scarsi nel valore ma che coinvolgono comunque le nostre vite. Quelli di cui parlo e che riguardano Macron e Fazio,  misteri che  differiscono per importanza fra loro ma sono ugualmente presenti e fonte di  molti ragionamenti, restando, tuttavia, insolubili, come tutti i misteri. 

 


Mistero doloroso: una nazione come la Francia, martoriata  più di ogni altra dal terrorismo di matrice islamica, con molte aziende in crisi, con problemi sociali legati alle banlieue della metropoli, con la povertà crescente…  vota, sceglie e si dota di un Presidente filo immigrati, per nulla impensierito dalle tensioni sociali così sovente da essi derivate, legato più all’alta finanza che alla base dei lavoratori, simpatizzante per un’Europa globalista che appare sempre più  affamatrice di nazioni  povere  e garante di ricche  nazioni dominanti.

Nelle periferie parigine i magrebini e in generale  gli immigrati tutti  hanno esultato sventolando le bandiere francesi. Le stesse, per intenderci, che non appena c’è qualche contrarietà, vengono calpestate e bruciate, fatte oggetto di scherno e altri insulti. Acclamato, acclamatissimo il giovane neo presidente, applaudito fino a spellarsi le mani da folle di comunisti francesi,  in delirio per l’elezione di un uomo creato dal sistema capitalistico-bancario piu’ estremo… Non esattamente un uomo del popolo.

Mistero gaudioso ( ma mistero ridicolo mi sembra più appropriato)  : Fazio  minaccia di abbandonare “”Mamma RAI””  per il ventilato tetto posto alle retribuzioni, comprese le sue… Stiamo parlando di proteste da parte di chi è miliardario (con il vecchio conio… che fa sempre più effetto… ) di chi deve  alla RAI notorietà e ricchezza…a fronte di un talento a mio avviso inesistente. A meno che non sia considerato  un raro talento l’attitudine ad aspergere  con saliva le natiche dei potenti. In questo, devo riconoscerlo, Fazio domina incontrastato.

Inoltre… è difficile nel panorama peraltro affollatissimo di faziosi impiegati nello stipendificio per eccellenza, la RAI,  trovarne uno alle vertiginose altezze della faziosità di Fazio… Nomen omen, dicevano gli antichi Romani, nel nome, il destino… 

Stiamo vivendo, da singoli e come società, una crisi economica sempre più grave, alla quale pare non esserci fine; una crisi che, come accade sempre , ha accentuato il divario fra ricchi e poveri, rendendo i primi ricchissimi e i poveri poverissimi, fino alla disperazione.

In casi come questi, benchè io sia poco incline al livellamento indiscriminato, quello che uccide il merito e rende vani gli sforzi di chi più si è impegnato nello studio e nel lavoro… arrivati a questo punto, davvero troverei auspicabile un tetto, decisamente molto più in basso  di quello temuto da Fazio e da altri “”paperoni””…  Un tetto per ridistribuire la ricchezza, se è spropositata, infinitamente superiore ai meriti, strabordante  tanto da risultare iniqua, di fronte troppi che versano nella  miseria più nera.

Non ha senso,avere la tavola imbandita come crapuloni, fino alla nausea…mentre accanto c’è chi davvero non ha di che vivere. Qualche sacrificio non sarebbe male, imporlo  a chi è straricco…Magari non per sempre, solo in questo periodo…poi, quando e se torneranno le vacche grasse, si potrà tornare persino allo spreco più insultante per chi se lo può permettere.

Quindi, tornando a Fazio… rimane  il mistero del suo proclamarsi “”di Sinistra””  quando per me, pur politicamente atea, quindi con nessuna simpatia per fazioni e partiti… “” essere di Sinistra”” significa comunque essere  dalla parte della gente, dei meno fortunati, dei non abbienti, dei poveri. Modello La Pira.

Ma forse mi sbaglio.

 

^^^^^^^^^^^^^^^^^

Come di consueto,  qui di seguito presento brevemente il numero on line da oggi. I titoli in grassetto portano direttamente ai relativi pezzi.  Questo per consentire anche a chi ha poco tempo, di poter sfogliare più facilmente il giornale.

Misteri dolorosi e gaudiosi

di A.D.Z.

Il Leone Morente

di Massimo Nardi

Il Monumento del Leone Morente di Lucerna e’ la fotografia esatta di cosa accadrà ai popoli dell’Europa grazie ai gruppi d’affari, burocrati e banche dell’Unione.

Il NO al referendum e’ il peccato originale

di Alberto Venturi

Tutti coloro i quali  hanno ritenuto di esprimere la loro contrarietà ai quesiti posti il 4 dicembre  non sono più considerati interlocutori del Pd; in pratica si azzera ogni rapporto con la maggior parte della sinistra storica, compreso uno come Civati, ma anche con nuovi movimenti. 

“Chiacchierando di Diritto”

di Roberto Armenia

Venerdì 5 maggio 2017, al “Salotto culturale Aggazzotti”  di Modena, in bellezza, con una sala gremita di ospiti, si è conclusa la fortunata rassegna “Chiacchierando di Diritto” , ideata e condotta dall’avvocato Gian Carla Moscattini.

Maggio Fioranese 2017

di Corrado Corradi

Il Sindaco Tosi,  l’Assessore alla cultura, Sig.ra Silingardi, l’Avv.Moscattini presidente del Comitato Fiorano in Festa  e Romagnoli Presidente Lapam  della sezione di Fiorano hanno presentato il programma.

Quel nuovo mondo

di Eugenio Benetazzo

La quarta rivoluzione industriale sta già facendo vittime, alla pari di tutte le altre rivoluzioni precedenti, soprattutto in ambito occupazionale. Ne abbiamo già parlato anche all’interno di altri redazionali in passato, tuttavia non fa male ricordarlo soprattutto per chi ha figli adolescenti o in tenera età.

Globalisti e Sovranisti

di Diego Marchiori

I globalisti accusano i sovranisti di far leva sulle paure più recondite, i sovranisti accusano i globalisti di opprimere i popoli. Sono queste le due nuove categorie su cui bisogna ragionare: chi sostiene che la globalizzazione porti benefici universali, e chi invece ritiene che la globalizzazione abbia aumentato la disparità, il conflitto sociale, l’insicurezza.

Auguro a tutti buona settimana e buona lettura del n. 560 – 234

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Corso per Clown Dottori

Si parte a ottobre, ma gli incontri di presentazione del corso sono previsti il 6 e il 10 settembre L’associazione Dìmondi Clown organizza, a partire