MIRANDOLA, VA IN PENSIONE L’AGENTE DI POLIZIA RICCARDO ARVEDA: IL RINGRAZIAMENTO DEL SINDACO GRECO PER L’IMPEGNO DURATO OLTRE 40 ANNI  

Condividi su i tuoi canali:

“Semplicemente grazie: per l’impegno, il lavoro, la disponibilità, dimostrata sempre ed ogni qualvolta la cittadinanza ne avesse bisogno e necessità.” Parte da qui il Sindaco di Mirandola Alberto Greco, e per conto dell’Amministrazione comunale, nel formulare il ringraziamento a nome dell’intera comunità mirandolese all’agente della Polizia di Stato Riccardo Arveda che ha raggiunto il traguardo della pensione dopo 42 anni di servizio presso il commissariato della città dei Pico.

“Come cittadino, prima ancora che Sindaco, e sono convinto che pari a me sono tanti i cittadini che oltre ad averlo conosciuto ne hanno apprezzato l’impegno indefesso, lo voglio ringraziare per il lavoro svolto, per i risultati ottenuti dalla Polizia di Stato col suo operato, ricaduti a beneficio della città e del territorio, per esserci sempre stato al momento del bisogno come fu quando la comunità fu colpita dal terremoto, per essere già parte della storia del nostro territorio. Il mio, il nostro e più in generale di tutti, sentito ringraziamento dunque a Riccardo Arveda con l’auspicio che possa trascorrere una serena pensione.”      

[ratings]

Ultimi articoli

I nostri social

Articoli popolari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo