MIRANDOLA, DONNARUMMA (LEGA): “Lamentele assurde che denotano poca conoscenza della materia e la difficoltà di un partito senza progetti e proposte”.

Condividi su i tuoi canali:

Il segretario cittadino Marco Donnarumma, risponde ad Anna Greco, in merito al comunicato diramato nela giornata di Mercoledì 19 Luglio in materia di fondi PNRR

Le critiche del Partito Democratico all’Amministrazione Greco sono del tutto fuori luogo e prive di fondamento. In poco più di un anno sono stati attivati ben 21 progetti PNRR che hanno intercettato 10.5 milioni di fondi per complessivi 17.4 milioni di investimenti, tra cui un nuovo asilo nido, il rifacimento delle scuole elementari sulla circonvallazione (per i quali partiranno i lavori a breve), una nuova mensa, adeguamenti antisismici ed energetici di scuole materne ed elementari, arredi e attrezzature per l’università al nuovo Polo Culturale, piste ciclabili, ecc. Il Comune di Mirandola si attesta fra i primi posti a livello provinciale, per fondi intercettati, qualità e quantità di interventi.  Rileviamo con stupore  come, per il Pd, il problema siano due accantonamenti , che incidono per meno del 10% del totale; una dei quali per una nuova struttura, che graverebbe per oltre 100 mila euro di nuovi costi gestionali all’anno”.

“Questa Amministrazione – prosegue Donnarumma – ragiona con la mentalità del “buon padre di famiglia”, che davanti ad aumenti dei prezzi, nuovi costi e tempi stretti ha preferito il senso di responsabilità, la sostenibilità e obbiettivi realizzabili: il Pd invece avrebbe preferito l’incertezza e lo sfascio dei conti pubblici. La presa in causa dell’uscita dall’Unione, poi, dimostra una completa mancanza di conoscenza della materia e la totale inconsistenza delle accuse all’Amministrazione:

•          primo perché sono i lavori pubblici – che mai sono stati in Ucman – a seguire i bandi del PNRR;

•          secondo perché proprio per sopperire a una carenza, che da tempo si percepiva all’interno dell’Unione (che per inerzia degli stessi amministratori del Pd non aveva mai strutturato la CUC, con omogenea adesione dei comuni, che preferiscono servirsi all’Unione Bassa Reggiana), il neo costituito Servizio gare e contratti di Mirandola ha svolto in convenzione con la Provincia ben 6 gare PNRR, di cui una sopra soglia comunitaria e in forza delle gare gestite direttamente negli ultimi anni, ha ottenuto una qualifica che gli consentirà di operare in autonomia cone stazione appaltante fino al milione di euro (a differenza dell’Unione e dei Comuni soci);

•          terzo perché l’Unione non ha concorso a nemmeno un solo bando del PNRR.

“Il Pd – conclude Donnarumma – farebbe bene a guardare in casa propria, visto che i sette comuni da loro amministrati nella bassa hanno ottenuto meno della metà delle risorse da PNRR della sola Mirandola, con alcuni che non hanno vinto nemmeno un bando”.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...