Milleproroghe, Vaccari “Non bloccare bandi commercio ambulante”

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Nota del senatore modenese Stefano Vaccari, capogruppo Pd in Commissione Ambiente

 

Il senatore modenese Stefano Vaccari, capogruppo Pd in Commissione Ambiente, ha presentato due specifici emendamenti al Dl Milleproroghe relativi al commercio su aree pubbliche e ai danni subiti dai pereti della zona di Finale Emilia a causa dell’eccezionale maltempo del settembre 2015.

 

 

 

Commercio su aree pubbliche e i danni ai pereti della zona di Finale Emilia del 2015: su queste due questioni, che hanno importanti ricadute sul territorio locale, il senatore modenese Stefano Vaccari ha presentato due distinti emendamenti al dl Milleproroghe. Com’è noto, la proroga dei termini delle concessioni per commercio su aree pubbliche contenuta nel decreto rischia di mettere in discussione l’intesa in materia raggiunta in Conferenza Unificata, allarme rilanciato dalle associazioni di categoria degli ambulanti. “Con l’emendamento depositato – spiega Stefano Vaccari – si punta a salvaguardare i contenuti dell’intesa che contiene criteri condivisi e le azioni già messe in campo dalla Regioni virtuose, come è il caso dell’Emilia-Romagna, che ha già provveduto alla pubblicazione dei bandi in materia”.   

Per quanto riguarda, invece, la questione dei pesanti danni subiti dai pereti colpiti dal forte maltempo del settembre 2015, l’emendamento presentato dal senatore Vaccari include la risarcibilità dei danni nel Fondo previsto dalla legge del 2004 per favorire la ripresa dell’attività economica e produttiva. Da notare che le Regioni interessate potranno deliberare la proposta di declaratoria di eccezionalità dell’evento entro sessanta giorni dall’entrata in vigore della legge di conversione del decreto Milleproroghe. “L’obiettivo – conclude Vaccari – è di sostenere le imprese agricole colpite dalle avversità atmosferiche che, si ricorderà, furono di eccezionale intensità”.

 

 

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati