Marò

Condividi su i tuoi canali:

Una vicenda tragica che sta assumento sempre più l'aspetto di una inopportuna telenovela art. Adimaro degli Adimari

La vicenda dei due Marò italiani arrestati in India è stata gestita sin dall’inizio da un governo senza dignità e con volto doppiogiochista. Così l’Italia ha dimostrato tutti i limiti della sua politica estera vuota e inconsistente.

Anzichè agire con fermezza da subito, si son lasciati languire in carcere i nostri due Marò, trastullandosi in inutili schermaglie con l’India che ci ha strapazzato in tutti i sensi.
Adesso con un tardivo sussulto d’orgoglio abbiamo fatto “”la faccia feroce”” non restituendo i due fucilieri.

Finalmente !

Tutti gli italiani con gli attributi hanno gioito perchè abbiamo liberato due fedeli e autentici rappresentanti dello Stato, ma credo che nello stesso tempo abbiano disapprovato il comportamento di un governo che:

-ha siglato impegni, concesso parole d’onore, rilasciato dichiarazioni che non dovevano assolutamente essere fatte perchè non si potevano mantenere;

-non ha pensato di richiamare il proprio ambasciatore, prima di pubblicizzare la decisione della non restituzione dei militari, proprio per metterlo al sicuro da provvedimenti ricattatori dell’India.

Infatti ora il nostro ambasciatore non può lasciare quel paese.

Complimenti governo tecnico…la telenovela ricomincia!

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Chi sporca, paga

O, almeno, così dovrebbe essere. Il sacro diritto al dissenso e alla protesta, che nessuno si sogna di negare, non deve sconfinare oltre i limiti.

Prepararsi a diventare vecchi

Un sacerdote, in un’omelia rivolta a un gruppo di settantenni, ha invitato a ‘prepararsi a diventare vecchi’ e la prima reazione: intanto vecchio bisogna riuscire

“Tutta un’altra aria”

È questo il titolo del convegno nel quale, i ricercatori di CNR-ISAC, ART-ER, PRO AMBIENTE e del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di ingegneria sanitaria