Mancato invio a domicilio da parte dell’Inps del CUD

Condividi su i tuoi canali:

None

   

Titolo notizia: MODELLO CUD E DICHIARAZIONE DEI REDDITI:
ATTENZIONE AI LAVORATORI CHE HANNO BENEFICIATO DI AMMORTIZZATORI SOCIALI





MODELLO CUD E DICHIARAZIONE DEI REDDITI:
ATTENZIONE AI LAVORATORI CHE HANNO BENEFICIATO DI AMMORTIZZATORI SOCIALI

Causa mancato invio a domicilio da parte dell’Inps del CUD a partire da quest’anno, i lavoratori che nel 2012 hanno goduto di periodi in ammortizzatori sociali (e sono perciò titolari di un modello CUD rilasciato dall’Inps) devono prestare particolare attenzione alla loro dichiarazione dei redditi. O meglio, devono controllare presso un Caaf di fiducia se sono tenuti a presentare o meno la dichiarazione dei redditi.
Solo nel caso di periodi in ammortizzatore sociale attivati nel 2012 con gli importi anticipati direttamente dall’azienda, e in assenza di altri redditi, e verificato che non ne abbia convenienza, il lavoratore, non è tenuto a presentare la dichiarazione dei redditi.
Se, invece, il lavoratore nel 2012 ha fatto periodi di ammortizzatori (cassa integrazione standard e in deroga, ecc…) con pagamento da parte dell’Inps entro il 31.12.12, è necessario che il lavoratore si rechi presso il Caaf per controllare se è tenuto a presentare la dichiarazione dei redditi.
Ricordiamo che CSC, Caaf affiliato alla Cgil, stampa gratuitamente il modello CUD a tutti quelli che ne fanno richiesta.
CSC avverte che anche i lavoratori di aziende colpite dal sisma che hanno fatto periodi di cassa integrazione per i giorni di chiusura o per la successiva riduzione dell’orario di lavoro, devono verificare la loro posizione reddituale. Anche per loro il pagamento dell’ammortizzatore sociale è stato liquidato direttamente dall’Inps e pertanto si trovano ad avere, oltre al CUD dell’azienda, anche il CUD dell’Inps che per effetto delle nuove disposizioni non sarà più inviato a domicilio, ma potrà essere richiesto gratuitamente al Caaf.

Cgil Modena
CSC Caaf Cgil Modena

 

[ratings]

Ultimi articoli

I nostri social

Articoli popolari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo