Maltempo. Sassi (Misto) chiede esenzione addizionale Irpef regionale per contribuenti colpiti

Condividi su i tuoi canali:

None

Maltempo. Sassi (Misto) chiede esenzione addizionale Irpef regionale per contribuenti colpiti/ foto

Il consigliere si riferisce a quei territori che da fine ottobre “sono stati colpiti da intense piogge, mareggiate e venti forti”,

per i quali la Regione Emilia-Romagna “ha chiesto e ottenuto lo stato di emergenza”

“Esentare dall’addizionale Irpef regionale (per l’anno 2018) i contribuenti, con reddito documentato inferiore ai 30mila euro, residenti nelle aree del territorio colpite, a partire dallo scorso 27 ottobre, da eventi alluvionali”. A chiederlo, con una risoluzione rivolta al governo regionale, è Gian Luca Sassi del gruppo Misto.

Il consigliere si riferisce a quei territori che da fine ottobre “sono stati colpiti da intense piogge, mareggiate e venti forti”, per i quali la Regione Emilia-Romagna “ha chiesto e ottenuto lo stato di emergenza”.

L’Emilia-Romagna, spiega il politico reggiano, “presenta uno degli addizionali Irpef regionali, a parità di reddito, fra i più alti d’Italia e nell’ultimo decennio ha programmato l’aumento del prelievo più consistente, da 195 a 418 euro (più 113 per cento)”.

Sassi chiede quindi l’attivazione di agevolazioni sull’Irpef per i contribuenti meno abbienti, sollecitando anche rimborsi per le somme già incassate.

(Cristian Casali)

 

 

 


 

2018_11_06-aula-16.23-001… (476 Kb)
 

Download

logoAssemblea.jpg (11 Kb)
 

Download

 
[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Il ragazzo del treno

I fatti, abbondantemente diffusi da ogni  notiziario, sono  assai  scarni nel loro  orrore. Nella stazione di Seregno, mercoledì 25 gennaio, scoppia  un diverbio, pare per

Una mossa tempestiva e anche simbolica

Giorgia Meloni è in Algeria per la sua prima visita di stato. E’ incentrata sull’energia nell’ottica del Piano Mattei, finalizzato a fare dell’Italia l’hub energetico del