MALTEMPO, NECESSARI ALCUNI ABBATTIMENTI DI ALBERATURE IRRECUPERABILI

Condividi su i tuoi canali:

Martedì 27 settembre cominceranno le operazioni nel cortile delle scuole medie

I danni subiti da alcune alberature nel corso del fortunale che si è abbattuto su Vignola il 15 settembre scorso sono, in tre casi su quattro, irrecuperabili: è il parere degli specialisti del Dipartimento di Scienze e Tecnologie agro-alimentari dell’Università di Bologna che, dopo uno specifico sopralluogo, hanno decretato la necessità dell’abbattimento per un bagolaro che si trova nella parte terminale di viale Mazzini, all’altezza del civico 27, e di due cedri deodara che si trovano nel cortile delle scuole medie Muratori. Le operazioni di abbattimento, affidate a una ditta specializzata, cominceranno martedì 27 settembre.

Il bagolaro già in passato aveva subito l’asportazione di una branca compromessa, il maltempo ha fatto il resto, il legno è degradato e se ne consiglia l’abbattimento. Quanto ai due cedri, il fortunale ha spezzato le cime e, in un caso, ha tranciato una branca di 40 centimetri di diametro. I tecnici reputano che cicatrici di questo tenore non possano rimarginarsi, ma anzi costituiscano porta d’ingresso per agenti patogeni. Vista, inoltre, l’ubicazione nel cortile di una scuola, per tutelare l’incolumità degli studenti e del personale, è consigliato l’abbattimento. Si salva, invece, un tiglio danneggiato dalla caduta dei grandi rami dei cedri: siccome la pianta ha dimensioni ancora contenute ed è vigorosa, si ritiene che possa recuperare quella parte di chioma che è andata perduta. Gli operai della ditta specializzata cominceranno i lavori dal cortile della Scuola media Muratori: ci vorranno, presumibilmente, due giornate per completarli. Le lezioni si potranno svolgere in maniera regolare. 

Oltre alle alberature danneggiate dal maltempo, si rende necessario l’abbattimento anche di due platani situati in via per Spilamberto. Le due piante si sono completamente dissecate, per cause che sono ancora in corso di accertamento. Sono state visionate sia dai tecnici dell’Università di Bologna che ne hanno consigliato l’abbattimento, sia da quelli del Consorzio Fito-sanitario di Modena che hanno rilasciato il nulla osta. I due platani in questione sono quelli che si trovano all’angolo con via Fermi e all’angolo con via Gobetti. Saranno abbattuti a conclusione dei lavori nel cortile della scuola.

Gli uffici sono al lavoro per valutare modalità e tempistiche della sostituzione delle alberature destinate all’abbattimento.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Chi sporca, paga

O, almeno, così dovrebbe essere. Il sacro diritto al dissenso e alla protesta, che nessuno si sogna di negare, non deve sconfinare oltre i limiti.

Prepararsi a diventare vecchi

Un sacerdote, in un’omelia rivolta a un gruppo di settantenni, ha invitato a ‘prepararsi a diventare vecchi’ e la prima reazione: intanto vecchio bisogna riuscire

“Tutta un’altra aria”

È questo il titolo del convegno nel quale, i ricercatori di CNR-ISAC, ART-ER, PRO AMBIENTE e del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di ingegneria sanitaria