Malasanita’: telecamere in sala operatoria

Condividi su i tuoi canali:

None

“E’ ora di trovare delle soluzioni per porre rimedio o quantomeno ridurre i casi quotidiani di malasanità, nonché i dubbi che ne conseguono”.

 

Così si esprime Rossana Reggiani, referente sanità di Modena Futura, nel proporre la presenza e l’utilizzo generalizzato delle telecamere all’interno delle sale operatorie.

 

“”Non e’ uno strumento valido per migliorare la qualità delle prestazioni sanitarie o per la tutela della salute del cittadino””, afferma la Reggiani,” ma sarebbe un mezzo utile e necessario per dissipare i dubbi che possono nascere dai casi di malasanità a tutela del medico e del paziente stesso”.

“Proprio a difesa dell’alta professionalità degli operatori sanitari (della quale non mi permetto di dubitare), poterli mettere nella condizione eventuale di dimostrarla senza possibilità di smentite o di dubbi che si possono trascinare negli anni, anche con ripercussioni in ambito penale, è un obbiettivo ambizioso e potenzialmente risolutivo”.

”Penso che il “”nuovo approccio”” tra medico e paziente, con tutti i risvolti conseguenti alla applicazione della legge sulla privacy, meno confidenziale e più formale, tuteli e aiuti maggiormente il paziente che viene invitato a condividere assieme al medico la propria condizione; in quest’ottica avere certezze su quanto succede all’interno della sala operatoria può solo essere d’aiuto”.

“Inoltre aggiungo che l’elevata professionalità e preparazione degli operatori medici, non ritengo possa essere minata o discussa da un eventuale ripresa audiovisiva; anzi, essere medico, richiede qualità e caratteristiche che vanno ben oltre l ‘idea di essere psicologicamente provati da una immagine di video sorveglianza”.

 

“Mi auguro”, conclude la referente sanità di Modena Futura, “che questa proposta venga valutata con la massima attenzione dagli amministratori che determinano a livello regionale le regole della Sanità”.

 

La Referente Sanità Modena Futura

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...