MAI A DIGIUNO IL CAFFE’ .

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
None

 

Una delle abitudini più frequenti degli italiani, potrebbe essere un problema per la salute.

Di cosa stiamo parlando, il caffè al mattino, non del caffè fine a se stesso ma del caffè bevuto a digiuno al mattino.

Di fatti appena svegli , prendere una tazzina di caffè a stomaco vuoto e’ la prassi per tante e tante  persone.

 
Prendere il caffè a digiuno al mattino è un attacco  al proprio stomaco, attacco reso ancor più pericoloso se la tazzina di caffè e’ seguita da una sigaretta.

 
La caffeina e’ un alcaloide, una metilxantina, una molecola capace di entrare all’interno di ogni cellula, essere presa da fattori di trascrizione, per essere trasferita su una porzione del DNA di tutte le cellule dell’organismo.

La caffeina e altre molecole contenute in una tazzina di caffè agiscono sul nostro patrimonio genetico, sul nostro DNA. La modulazione genica prodotta dalla caffeina produce funzioni che noi avvertiamo con segni e sintomi positivi, come maggiore attenzione, piu’ slancio, un tono umore migliore, diuresi…aumento della acidità gastrica per incremento della secrezione di acido cloridrico. 

Bere una tazzina di caffè  è un semplice gesto che attraversa tutto il nostro corpo in pochi secondi. 

E’ un esempio di genomica nutrizionale.

La caffeina , presente ne caffè, quando nello stomaco non e’ presente alcun cibo, essa causa un incremento della secrezione acida gastrica. 

A stomaco vuoto in soggetti sensibili l’incremento di acidità generato dalla caffeina può causare lesioni della parete dello stomaco con comparsa di gastrite, ulcera, bruciore, reflusso gastro/esofageo.

Prendere il caffè con un po’ di latte non blocca la secrezione di acido cloridrico, quindi e’ inutile.

Occorre introdurre con la tazzina di caffe’ un alimento per riuscire a controllare l’azione dell’acido cloridrico. Oppure bere acqua al fine di ridurre il tempo di permanenza del caffè all’interno dello stomaco.

 
Chi ha reflusso gastro-esofageo si astenga dall’assumere caffè.

 

Il cappuccino può contenere una molecola, tannato di caseina, derivata dalla unione della caseina del latte con l’acido tannico contenuto nel caffe’.

 
Il tannato di caseina e’ poco digeribile, trattiene la caseina e la rilascia lentamente. Questo effetto può avere il vantaggio di fornire piccole dosi di caseina assorbite in un tempo più lungo rispetto al semplice caffe’ .

Cioè gli effetti del cappuccino sono più duraturi rispetto al caffè’ . Ma intestino può non gradire ne’ la caseina ne’ il tannato di caseina.

Consiglio di sorseggiare una tazzina di caffè mangiando yogurt. L’effetto della caffeina combinata con lo yogurt è più duraturo nel tempo. Cioè i benefici del caffè possono essere prolungati rispetto alla semplice tazzina. E lo stomaco sta meglio. Zucchero bianco o zucchero di canna? Non c’è differenza . 
Meglio senza zucchero. 
Il caffè è amaro, è il suo carattere. Mettere zucchero nel caffè è un gesto che annulla il carattere del caffè.

E’ solo questione di abitudine e si può assaporare al meglio l’amaro del caffè, senza zucchero. 
Non più di cinque caffè in una giornata. E’ la dose che fa il veleno. E mai a stomaco vuoto, a digiuno.
 

 

Rischi e pericoli  del semplice gesto  che tutti compiamo,  bere una tazzina di caffè, il cui contenuto  attraversa tutto il nostro corpo in pochi secondi. 

 

I

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Ripensare il turismo  futuro

La tragedia della Marmolada lascia  sgomenti e annichiliti, per la gravità del bilancio che si va aggravando di ora in ora, con due cordate di

Riflessioni sull’aborto

La decisione della Corte suprema statunitense di lasciare ad ogni stato dell’Unione la libertà di legiferare sul diritto all’aborto, ha riportato in prima pagina un