Mafie. Beni confiscati, sì a proposta Pd di istituire unità di esperti per preservarne valore

Condividi su i tuoi canali:

None

Prevista anche una maggiore partecipazione dei cittadini nella fase di destinazione del bene confiscato o sequestrato e nel progetto di riutilizzo
 

L’Assemblea legislativa approva a larga maggioranza la proposta di legge del Partito democratico, firmatari Fabrizio Benati e Antonio Mumolo, finalizzata in via prioritaria a istituire un nucleo tecnico di esperti per dare supporto, anche nella logica di ampliare la partecipazione popolare, ai soggetti coinvolti nei procedimenti di gestione dei beni sequestrati o confiscati alle mafie, con l’obiettivo di incrementarne la redditività e agevolarne il riutilizzo a favore della collettività. Il progetto di legge, di cui è relatore Fabrizio Benati, modifica il Testo unico per la promozione della legalità nella parte riguardante il recupero dei beni immobili confiscati e sequestrati alla criminalità organizzata.

Il nucleo di esperti – spiega il relatore – affianca i curatori dei tribunali e, oltre a fornire supporto tecnico per evitare il depauperamento dei beni sequestrati o confiscati alle mafie, ha la funzione di valorizzare il percorso partecipato nella fase di destinazione del bene e di elaborazione del progetto di riutilizzo. Inoltre, – prosegue il consigliere dem – il progetto di legge rafforza lo scambio di informazioni tra soggetti privati e pubblici per creare un sistema informativo delle aziende sequestrate e confiscate finalizzato a promuovere interventi di tutoraggio imprenditoriale delle stesse. Infine, – conclude Benati – la proposta di legge accresce l’efficacia dell’intervento della Regione.

Silvia Piccinini (M5s) presenta un emendamento, sottoscritto dallo stesso Benati, finalizzato a far sì che la Regione sostenga, anche mediante strumenti finanziari e attribuzione di vantaggi economici, i lavoratori delle imprese sequestrate o confiscate che, in forma cooperativa, si impegnino nel salvataggio dell’azienda in cui sono occupati. L’emendamento viene approvato così come un ordine del giorno della stessa consigliera che impegna la Giunta a promuovere l’accesso all’unità di esperti tramite la collaborazione delle organizzazioni sindacali dei dirigenti d’azienda nonché le associazioni di professionisti e imprenditori.

Antonio Mumolo (Pd) ribadisce che, se si vuole rendere efficace il contrasto alle mafie e rafforzare la cultura della legalità, i beni sequestrati devono tornare al più presto nella disponibilità dei cittadini. In merito alle imprese poste sotto sequestro, il dem sottolinea l’importanza dell’istituenda unità di professionisti al fine di tutelare l’attività produttiva preservando redditualità, occupazione e reputazione dell’azienda.

(Luca Govoni)

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo