Ma perché?

Condividi su i tuoi canali:

None

Perchè il disagio deve essere un onere che deve pagare la collettività?

Ma perché l’alloggio sociale deve essere destinato a coloro che vengono da “fuori” per motivi di lavoro? Siamo in crisi e i posti di lavoro non ci sono e leggere che un consigliere esclude la proposta di assegnare più punti agli italiani residenti perché escluderebbe la possibilità di alloggio a persone che vengono a Modena per lavoro, trova riscontro con la realtà? Siamo obiettivi, il lavoro dovè? tante famiglie hanno a carico il figlio ormai adulto che non può mantenersi per precariato e caro vita, altre con figli più piccoli hanno semmai l’incubo del mutuo da pagare e qui si pensa a riservare alloggi a chi viene da fuori per lavoro?

Troverei molto più sensato, che a queste categorie di persone, sia il datore di lavoro stesso a dare le garanzie per l’alloggio poiché è lui ad averne bisogno e perciò è sciocco che i disagi poi vengano ribaltati sulla società intera senza poi contare che una inflazione di offerta di lavoro può provocare sfruttamento del lavoro stesso e danneggiare tutto il comparto, come sta già succedendo con certe cooperative di lavoro. Per quanto riguarda i dati ovvero che nel 2008 il 59.2% è stato assegnato a stranieri e che nel totale degli alloggi popolari solo il 12% è occupato da non italiani ma ricordiamoci anche che tanti alloggi sono occupati da anni da gente, ora anziana, che nel breve periodo torneranno a disposizione, ma di chi?

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Fiera di San Rocco 2022

Dal 12 al 16 agosto: cinque giorni di festa, spettacoli e tanto cibo, ad ingresso gratuito! Ecco in arrivo la ultracentenaria Fiera di san Rocco,

Corso per Clown Dottori

Si parte a ottobre, ma gli incontri di presentazione del corso sono previsti il 6 e il 10 settembre L’associazione Dìmondi Clown organizza, a partire