Ma che le è saltato in mente, signor Sindaco?

Condividi su i tuoi canali:

Prima di rivolgere a tutti i Lettori di Bice i miei auguri, consentitemi qualche riflessione brada, derivata da notizie colte qua e là. Articolo di Ugolino


Un giornalaccio pericoloso e truculento pubblica in prima pagina il solito titolone con tanto di foto: E lo chiamano surriscaldamento del pianeta[1]. Il titolone gronda di ironia dozzinale, perché nella foto si vede un disgraziato col badile che spala la neve, neve che gli ha quasi seppellito la Mercedes. Come non bastasse nell’articolo si snocciolano le temperature registrate ultimamente in Italia. Si sa che il riscaldamento del Pianeta è una cosa seria e non bisogna scherzarci sopra: il Pianeta si sta surriscaldando perdinci, tant’è che per poter stare un poco al fresco i Grandi dello stesso Pianeta si sono dovuti ritrovare a Copenaghen, altrimenti si sarebbero lessati nelle acque calde del Mediterraneo. Quindi non scherziamo!

Sì, ma allora, quelle temperature registrate in Italia in questi ultimi giorni – 13 °C , – 24 °C etc., come si giustificano? Ma santo cielo, anche i cretinetti sanno che quando si ha la sensazione che ci sia freddo, freddo siberiano o freddo artico si è solo condizionati dalla percezione, una delle tante percezioni fasulle che suggestionano noi zotici della plebe. Nella fattispecie è il termometro che è messo male, a rovescio. Infatti, se lo si rigira sotto sopra, le temperature che si leggono sono + 13 °C , + 24 °C etc., il che dimostra scientificamente, visto che ormai siamo in inverno, che il Pianeta si sta terribilmente riscaldando, capito cretinetti? E smettetela di fare dell’ironia di bassa lega.

Lasciamo il centro cosmopolita danese del Pianeta per curarci di questioni più provinciali.

Uno dei giornaloni del Nord Italia, commentando la nevicata che ha imbiancato e messo in ginocchio Milano, ha titolato: L’efficientissima Milano si consegna ai soldati [2] . Non si può negare che, anche in questo caso, l’ironia sia presente, ma si tratta di ironia sottile, elegante, di ben altra classe. In un sol colpo il giornalone, che fa mostra di non soffrire minimamente del complesso di inferiorità verso l’eterna rivale, apostrofa con quel superlativo “efficientissima” la detestata Milano (e qui sta la classe dell’ironia), poi aggiunge “si consegna ai soldati”, che è un fatto notoriamente spregevole e da aborrire, tipico del malgoverno delle destre. Già i soldati li si volle impiegare per garantire maggiore sicurezza ai cittadini, ora addirittura per accelerare il ritorno alla normalità del traffico. Ormai siamo alla militarizzazione globale. Orrrore! (Vi ricordate come lo pronunziava l’indimenticabile Enzo Tortora?)

A proposito di ritorno alla normalità del traffico: ma che Le è saltato in mente, Sindaco Caselli [3] ? Perché mai lunedì mattina ci ha voluto togliere la soddisfazione di trovare le strade innevate? Perché ci ha privato di quelle belle strade con la neve alta dove non si riesce a camminare e tanto meno a guidare? Perché mai ci ha tolto la gioia di vedere i mezzi spargisale e gli spazzaneve intervenire verso le ore nove, nel pieno del traffico, quando ormai ci sono oltre venti cm. di neve, come si è sempre fatto in passato? Guardi signor Sindaco, che Sassuolo ha una gloriosa tradizione e le esperienze a tale riguardo non si contano, specialmente quando le nevicate furono ampiamente previste e preannunciate. Vuol mettere il piacere che si prova a impiegare più di un’ora per fare il tratto di tangenziale dalla rotatoria del cimitero nuovo a Braida? E poi l’ebbrezza che si prova nel sentire l’auto che va dove vuole. Lei, Sindaco Caselli, ci ha tolto tutto questo! Ma che Le è saltato in mente? Orrrore!

Concludo queste riflessioni brade ritornando al giornalaccio. Il 13 dicembre ha pubblicato una notizia [4] passata sotto silenzio (almeno per quanto mi consta) dai giornaloni, dai Tg etc., ove si narra delle rivelazioni provenienti da Stati Uniti e Gran Bretagna, rivelazioni che pongono fortemente in dubbio l’attendibilità dei dati che, secondo gli eco-ambientalisti, dimostrerebbero l’aumento della temperatura sulla Terra provocata dall’uomo. Per dirla tutta: quei dati sarebbero stati manipolati da un gruppo ristrettissimo di scienziati. Una grande truffa, andata avanti per oltre vent’anni sotto gli occhi di tutti, scrive il giornalaccio.

Sarebbe stato sufficiente chiedere ai componenti dell’ente intergovernativo [5] che certifica l’”effetto serra”:

– Brava gente, dove prendete i dati per le vostre statistiche e come li analizzate?

La notiziola, che porrebbe in una luce di smagliante verità tutte le derivate di carattere politico, energetico, ambientale etc., avrebbe meritato una risonanza diversa. Ma forse sbaglio.

Sbaglio perché è anche possibile, dati gli interess
i economici e politici che il giornalaccio ha con Berlusconi, che il fatterello sia totalmente destituito di fondamento. È noto e provato infatti che tutto ciò che ha a che fare con Berlusconi è per definizione falso e menzognero, nonché in odore di mafia. Anzi, sarebbe bene che la magistratura indagasse per verificare quali interessi abbia la mafia a tale proposito e se qualche pentito è disposto a collaborare per far emergere la verità.

E poi non si deve commettere l’errore di far vacillare la fiducia verso coloro che teorizzano l’”effetto serra” e la catastrofe finale che ne deriverà; né si deve desiderare di riporre tale fiducia in un fienile per poi incendiarlo, non foss’altro perché la combustione favorirebbe l’effetto serra. L’innalzamento della temperatura del Pianeta è una cosa seria e a teorizzarlo sono menti brillanti, sfavillanti, non sciamani, perbacco.

Auguri sinceri a tutti i Lettori di Bice: che le vostre Festività trascorrano serene e che il nuovo anno dispensi copiose quantità di buon senso e di buon gusto a tutti.

Io me ne starò qui, ghiacciato nella buca, e non temo l’”effetto serra”.

 

 

 




 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

SASSUOLO ANTIQUARIATO VINTAGE

Un weekend in cui il “tradizionale” mercato dell’antiquariato del primo sabato del mese in piazza Garibaldi raddoppia. Si svolgerà, infatti, sabato 3 e domenica 4