M5S. I deputati 5 Stelle modenesi in regola con circa 360mila euro versati per microcredito

Condividi su i tuoi canali:

None

M5S. I deputati 5 Stelle modenesi in regola con circa 360mila euro versati per microcredito
Dell’Orco e Ferraresi agli altri candidati modenesi: “Ora fatelo anche voi!”

 

 

 “Siamo contenti di questa inchiesta giornalistica sul fondo microcredito che ci permette ancora una volta di rimarcare la differenza tra noi e loro””.  Lo dichiarano i deputati candidati M5S Michele Dell’Orco e Vittorio Ferraresi a proposito del cosiddetto scandalo rendicontazioni M5S e aggiungono:  “La differenza tra noi e loro -concludono Dell’Orco e Ferraresi -continua insomma ad essere evidente e marcata, ossia tra un Movimento 5 Stelle che dà al Paese  e gli altri partiti che invece prendono solo. A parte le chiacchiere da bar, la realtà dei fatti che conta è che il Movimento 5 Stelle, come certificato dal Ministero delle Finanze, ha complessivamente restituito allo Stato 23 milioni di euro di cui circa 360mila euro vengono dai conti personali di Dell’Orco e Ferraresi. Ieri sera a Fiorano abbiamo mostrato i nostri estratti conto e li porteremo con noi anche stasera a Nonantola per mostrarli a cittadini e giornalisti interessati”.

 

“I 23 milioni di euro restituiti dal Movimento 5 Stelle –spiegano i pentastellati- contribuiscono da qualche anno a sostenere e aprire piccole attività in tutta Italia. Parliamo per la precisione di quasi 11 milioni di euro che sono arrivati in Emilia Romagna e che hanno sostenuto 520 microimprese di cui ben 124 localizzate in provincia di Modena. Ecco questa è la realtà di cui dovremmo parlare: bonifici in uscita dai conti M5S che generano sviluppo nel Paese, mentre la realtà PD – attaccano i pentastellati- è quella di bonifici in entrata sui loro conti, come quelli ricevuti da Buzzi, condannato a 19 anni di carcere, ritenuto dominus dell’associazione a delinquere Mafia Capitale. Risultano infatti bonifici per quasi 200mila euro. Buzzi ha finanziato il Pd in tutte le sue diramazioni, dalla federazione romana, alle associazioni, fino al partito centrale e alla Leopolda di Renzi. Proprio Renzi aveva detto che avrebbero restituito i soldi ricevuti dalle cooperative di Buzzi. Ma in merito non ci sono notizie”.

 

Concludono Dell’Orco e Ferraresi: “Chiediamo ai  candidati nel modenese di dimostrare concretamente ai cittadini da che parte vogliono stare: se vogliono stare dalla parte di chi prende o di chi dona ai cittadini. Ci aspettiamo che almeno De Vincenti, Lorenzin e Sgarbi, che hanno o hanno avuto un ruolo di Governo o in Parlamento, come pure Richetti, Pini, Vaccari e tutti gli altri parlamentari uscenti ricandidati a Modena, restituiscano una quota degli emolumenti pubblici che ricevono mensilmente versandola a favore del microcredito. Questo è l’IBAN: IT61Z0100003245348018369300. Aspettiamo la ricevuta del bonifico”.

 

——–

Michele Dell’Orco

Cittadino Deputato

Movimento 5 Stelle

 

sito internet: http://www.micheledellorco.it
twitter: https://twitter.com/dellorco85
fb:  https://www.facebook.com/pages/Michele-DellOrco/124408587628677
youtube: https://www.youtube.com/user/Pierrotten/videos

 

 


 

IMG_20180214_233049_100.j… (102 Kb)
 

Download

 
[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

La tragedia di Firenze

Il disastroso crollo nel cantiere edile in via dei Martiri, a Firenze,  oltre al problema della sicurezza, drammaticamente ha rivelato cose che purtroppo, pur essendo

Mons. Giacomo Morandi e il suo Non Expedit

Subito dopo l’Unità d’Italia, alcuni sacerdoti prima e poi voci della Chiesa  sempre più ufficiali dichiararono sconveniente e quindi inaccettabile la partecipazione dei cattolici alle