Ludo…che?

Condividi su i tuoi canali:

Priorità, esclusioni e ordinarie ingiustizie nella gestione delle risorse del SSN
art. di Maria

Ne parlavano da tempo, ora è cosa certa… la ludopatia entra fra le malattie curate dal servizio sanitario nazionale come altre vere e proprie dipendenze. Questo significa che  è stata inserita fra le patologie a carico del servizio pubblico , a spese di tutti i cittadini,  (anche quelli che non hanno mai nemmeno giocato a Monopoli)   nell’aggiornamento dei livelli essenziali di assistenza per garantire un giusto percorso cura e riabilitazione i malati di gioco d’ azzardo, L’onnipresente immancabile sondaggio ci dice che  in Italia sono circa un milione i malati di ludopatia… malati di ogni età, anche  giovani e giovanissimi.

Trovo semplicemente incredibile che sia passata a malattia sociale, pertanto curata a spese del contribuente.

Immagino, e non è certo difficile,  che la vita sia un inferno per che è preso da questo demone, lo sia per il giocatore tanto quanto per la sua famiglia. Talvolta la famiglia va  in rovina, per colpa di questo vizio. Chi mai lo negherebbe, è talmente evidente!  Ma non vedo il motivo per il quale io, cittadina, mi debba accollare  il pagamento, attraverso le mie sudate tasse, dei malanni e dei guai di  chi non sa controllare le proprie smodate passioni. Le passioni, se non siamo capaci di resistere ad esse, vanno almeno mantenute a proprie spese. Lo trovo un problema etico, una ingiustizia senza perdono, a   fronte di tagli alquanto mortificanti, e assurdi e ingiusti, nei confronti di chi, altre malattie, se le è  semplicemente ritrovate addosso, per colpa del destino, della sfortuna o di chissà che altro… comunque senza alcuna colpa.

E’ atteggiamento miserabile quello di  uno stato che si preoccupi di chi volontariamente indulge al gioco, fino ad ammalarsene,  e contemporaneamente  riduca le risorse e abbandoni  chi è “soltanto” ammalato, di mortali, ma banalissime malattie, che se solo avesse potuto, avrebbe volentieri schivato.

Nutro anche una  diffidenza   notevole verso le richieste di risarcimento che i fumatori incalliti, o i loro eredi, in caso di passaggio a miglior vita, fanno… alla casa produttrice delle sigarette, che allegramente hanno fumato e acquistato per trentine d’anni! Beccandosi cancro, enfisema e quant’altro. .

Tagliamo in sicurezza, in istruzione, in sanità… e poi, elargiamo i fondi, destinandoli a queste cause!

Uno stato imbelle, ingiusto, incapace di proteggere i propri cittadini. E, soprattutto, siamo uno stato campione d’incoerenza!  Da un lato, cura, come gravi ammalati, i giocatori…e, per compensare le minori entrare all’Erario, con l’ eliminazione  dell’IMU, pensa a incentivare i giochi e le lotterie! Tutto questo mi appare delinquenziale e diseducativo.

Demenziale, innanzitutto per l’aleatorietà dell’introito, non quantificabile e non sicuro, ma, peggio ancora, diseducativo,  perché avalla, in un certo qual senso , le scelte di chi affida le proprie speranze e la soluzione dei propri problemi al gioco d’azzardo… Tanto, poi, quando dimostri di esserti rovinato giocando dissennatamente, lo stato azzera i tuoi debiti e ti cura anche, perché sei  malato.

Se, invece, ti sei rovinato per un rovescio della fortuna,  per una terribile malattia, dalla cura costosa, o hai subito una truffa, o i tuoi debitori sono insolventi…O sei semplicemente solo, vecchio, disoccupato, licenziato…beh…quelli sono semplicemente affaracci tuoi.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Libri di Storia fatti di pietra

Servizio fotografico di Corrado Corradi ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^Nella giornata di sabato 1° ottobre 2022, in strada Canaletto Sud, angolo via Finzi, c’è stata la cerimonia di inaugurazione