L’UDC ha gettato la maschera.

Condividi su i tuoi canali:

None

La politica domina la Fondazione, il mondo artigiano e imprenditoriale senza voce.

 

L’UDC con queste nomine nel CDA della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena ha gettato la maschera: ci aspettiamo che da questo momento sia coerente con questa scelta, e che dia il suo sostegno esterno alle giunte, in Provincia e al Comune di Modena, per cominciare. Di fatto l’UDC diventa la stampella del PD un po’ ovunque, per arginare i dubbi e la caduta di consenso, e la debolezza sul territorio di un partito ormai identificato più con le sue Giunte, che con la struttura locale. Non ci si venga quindi a dire che le opposizioni sono rappresentate in Fondazione dall’UDC, che evidentemente ormai è parte della maggioranza politica, e non componente del centrodestra.

E’ poi da registrare come il mondo produttivo modenese, struttura portante dell’economia locale, con i suoi tanti commercianti, artigiani e piccoli imprenditori, sia stato totalmente ignorato nelle nomine dell’organo esecutivo della Fondazione. Il dominio della politica è totale, come la logica spartitoria. Nulla da eccepire sui singoli eletti, tantomeno sulle personalità dell’UDC, la cui professionalità e competenza non è in discussione, ma chiaramente non sono rappresentative di tutte le voci della città, dal punto di vista politico, e dal punto di vista della stratificazione sociale.

Devo quindi concludere che quando il sindaco Pighi tuonò: “Fuori la politica dalla Fondazione”, si sia inceppato nel momento topico il registratore dei cronisti presenti, perché manca la parte finale: “Fuori la politica dalla Fondazione … non deve stare”. E i fatti lo confermano da ieri sera.

 

 Il Consigliere Provinciale – PDL

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati