l’ostinazione della cdl a difesa delle quote maschili

Condividi su i tuoi canali:

None

L’atto con cui Forza Italia e la Lega hanno negato oggi alle donne italiane il diritto di accedere paritariamente alla politica e alle istituzioni rappresentative, più che l’affossamento delle quote femminili è la difesa con i denti della quota maschile del 90% in politica”.

 

“È la difesa delle posizioni di potere di una nomenclatura che non accetta le donne così come non accetta il ricambio generazionale o il riconoscimento, anche in politica, del merito e delle competenze”.

 

“Non stupisce che questo atto contro il cambiamento e contro il rinnovamento della politica sia stato compiuto dai due partiti più personalistici del centrodestra e più lontani dal considerare come linfa vitale i meccanismi democratici di selezione della classe politica e l’uguale partecipazione dei cittadini e delle cittadine agli organismi dirigenti”.

 

“Ho fiducia  che il voto di aprile sanzionerà questa politica che non rispetta gli uguali diritti degli uomini e delle donne e che è sempre più lontana dalle esigenze e dalle aspirazioni delle persone”.

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo