L’Opera di Puccini alla Meridiana

Condividi su i tuoi canali:

Abbiamo preso parte ad un evento organizzato dal Club “La Meridiana” di Casinalbo e devo dire che ne siamo rimasti entusiasti. Vedere in villa, la sala della musica, piena di soci, in attesa, attenti e diligentemente seduti, all’ora prestabilita per ascoltare la compagnia del M° Llukaci, che ci avrebbe presentato l’Opera di Puccini, è stato entusiasmante.

Ascoltare qualcuno che parli di Puccini apre le porte a un mondo di emozioni, bellezza e complessità musicale. Giacomo Puccini, e questo lo sappiano tutti, è uno dei più grandi compositori d’opera del XIX e XX secolo, ha creato un repertorio che può trasportare in un viaggio attraverso passioni intense, tragedie commoventi e personaggi indimenticabili.

Domenica pomeriggio, attraverso i duetti e le interpretazioni delle arie o romanze più conosciute, siamo stati catturati dalla musica di Puccini, e proprio perché così vicina alle emozioni umane, ci siamo lasciati andare cercando di comprendere fino in fondo l’intensità emotiva, che va dalla dolcezza romantica a esplosioni di drammaticità, che l’autore ha voluto trasporre nelle sue opere. La narratrice ha poi saputo spiegare le circostanze e il periodo storico, consentendoci di comprendere ed apprezzare le sfumature di queste creazioni, rendendo l’esperienza musicale più profonda e significativa.

Il Soprano: Marina Gubareva e il Tenore Giorgio Casciarri

Grazie alle interpretazioni degli artisti, dalle prestazioni musicali, narrative fino al bel canto, abbiamo potuto accogliere la bellezza delle melodie pucciniane e lasciarle pervadere nel cuore di ognuno. Abbiamo ascoltato con interesse l’interpretazione delle sue arie indimenticabili, apprezzandone la loro eleganza e immediatezza, arricchendo così il nostro gusto musicale e sperimentando un’esperienza sonora unica.

Il M° Gen Llukaci e il M° Alessandro di Marco

Dobbiamo dire che la scelta del Club “La Meridiana” di affidarsi al M° Gen Llukaci, è stata una scelta audace, ma sicuramente capace di offrire ai soci momenti di Cultura con la “C” maiuscola. Così come è accaduto con gli appuntamenti di musica classica, pre – covid, il Club si è proposto di offrire ai soci e amici, momenti di musica colta, ha azzardato nel proporre un progetto che parlasse di Puccini, ma è certamente riuscito nell’intendo di presentare qualcosa di speciale, si è affidato al M° Gen Llukaci che ancora una volta non ha deluso.

Il Tenore Giorgio Casciarri

Lo spettacolo che ci è stato riservato, ha consentito agli astanti di immergersi nell’arte teatrale, esplorare il mondo delle opere liriche, dove la musica si fonde con la narrazione drammatica, ha permesso al pubblico di percepire la fusione di elementi artistici che veniva proposto, generando un’esperienza estremamente coinvolgente che va al di là del semplice ascolto, andando invece a trascinare insieme immaginazione e sensibilità.

L’avv. Gian Carla Moscattini

Complimenti agli organizzatori ed ancora più lodi alla compagnia del M° Gen Llukaci che oltre a lui aveva in cartellone il M° Alessandro di Marco al pianoforte, il soprano Marina Gubareva e il grande Tenore Giorgio Casciarri. La narrazione è stata resa dall’avv. Gian Carla Moscattini.

Abbiamo saputo che sono previsti altri due appuntamenti: 18 febbraio e 17 marzo ore 17.00 onde completare questo cammino, per consentirci di immergerci in un repertorio musicale straordinario, completando un viaggio iniziato domenica scorsa, che ci condurrà attraverso le emozioni umane, la bellezza delle melodie, l’arte teatrale e l’eredità culturale di un autore italiano indimenticabile.

È un invito a esplorare un mondo ricco di passioni e sonorità che continuano a catturare l’anima di chiunque si avvicini a esse, e noi, non mancheremo.

Reportage fotografico a cura di Corrado Corradi

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo