Lollobrigida e il buon mangiare dei poveri

Condividi su i tuoi canali:

Spiegata, la frase è anche peggio perché dimostra che il ministro all’Agricoltura non abbia minimamente idee di come gli Italiani si nutrano e facciano la spesa.

Dopo la rivoluzione social (perché ormai indignazione e rabbia le sfoghiamo solo lì), il centro destra ha provato a rimediare all’infelice frase che i poveri mangino spesso meglio dei ricchi detta dal ministro Francesco Lollobrigida, parlando di fraintendimento e decontestualizzazione.

Cos’ha detto allora?

“Gli Stati Uniti sono un grande popolo, ci hanno liberato, difeso, su una cosa non ci possono insegnare niente: a mangiare, lo sanno anche loro. Hanno una criticità che devono rimuovere, hanno un differente modello di educazione alimentare. Da noi è interclassista. Da noi spesso i poveri mangiano meglio dei ricchi, cercando dal produttore l’acquisto a basso costo spesso comprano qualità. Da loro le classi meno agiate vengono rimpinzate con elementi condizionanti che vanno nell’interesse del venditore più che del consumatore finale. Lo vediamo con la media del sovrappeso”.

Spiegata, la frase è anche peggio perché dimostra che il ministro all’agricoltura non abbia minimamente idee di come gli Italiani si nutrano e facciano la spesa.

Prima di tutto dal produttore non può certo andarci chi abita in città. Non sono i poveri e gli anziani che si mettono a fare il giro delle fattorie; i mercati contadini a km zero, spesso hanno per necessità prezzi superiori a quelli dei supermercati, dove si trovano offerte vincenti perché frutta, verdura, carne arrivano dall’estero o da forme di allevamento intensive.

Anche in Italia chi è povero mangia peggio e quando si permette di pranzare fuori finisce per farlo nelle catene a basso prezzo, come McDonald.

Ma c’è anche una fascia più bassa che ha smesso di cuocere i cibi perché non riesce a pagare la bolletta del gas e persone, il cui numero è sempre in aumento, che si rivolgono alle Caritas e alle mense ‘dei poveri’ per un pasto caldo.

E a proposito di sovrappeso, l’Istituto Superiore di Sanità evidenzia un chiaro trend geografico che vede le Regioni del Sud avere valori più elevati di eccesso ponderale in entrambi i generi. Prevalenze di obesità più elevate si osservano anche in famiglie in condizione socioeconomica più svantaggiata, quindi con minori possibilità culturali.

No, signor ministro, la povertà non porta a mangiare meglio. Anzi obbliga a servirsi comunque della grande distribuzione e dei prodotti di minore qualità. Gliela metto così: lei può scegliere se mangiare bene o male. Chi è povero no. Mangia quel che può e che lei faccia il ministro all’agricoltura mi preoccupa un po’.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

BRUNO MUNARI. TUTTO

Fondazione Magnani-RoccaMamiano di Traversetolo – Parma16 marzo – 30 giugno 2024  La Villa dei Capolavori con le Forchette parlanti omaggio a Bruno Munari- foto Kreativehouse Scoppia

Carpi, Partito Democratico:

Una nota della Segretaria del Partito Democratico di Carpi, Daniela Depietri “Stupisce che Arletti scopra l’importanza di superare il passaggio a livello di via Roosevelt.

Il popolo è sovrano. Più o meno.

Il popolo è sovrano, questa è l’essenza della democrazia la quale, per quanto imperfetta, notoriamente è giudicata come preferibile ad ogni altro sistema di governo benché

La guerra sporca di Biden

Israele, per l’ennesima volta, facendo spallucce alle richieste degli Stati Uniti e dell’Occidente, lancia un attacco contro l’Iran e colpisce la base militare di Isfahan.