L’Italia è un posto dove

Condividi su i tuoi canali:

Chiara e Ermes sono due vittime. L'una, ridotta a un vegetale  a calci in testa, dalla violenza bestiale del fidanzato; l'altro, morto di crepacuore, colto da infarto dopo essere stato condannato a cinque anni di reclusione e  a 135.000 euro di risarcimento per aver ferito i ladri ROM  che per l'ennesima volta erano entrati in casa sua per derubarlo.

Sull’onda dell’emozione,  alle persone qualsiasi, ai cittadini che, attoniti, assistono quotidianamente a simili terribili eventi,  Chiara Insidioso e Ermes Mattielli appaiono, anche  vittime della legge. Chiara, una vita distrutta a 19 anni, della legge che ha consentito al suo massacratore addirittura uno sconto in appello, della già esigua pena, 20 anni, comminatagli in primo grado. 

Tutto naturalmente è legale, Falcioni era stato condannato in rito abbreviato (e chiederlo è  diritto dell’imputato) a venti anni di carcere; la Corte di Appello ha rimodulato la sentenza, abbassandola a sedici anni. Poichè in Appello era ricorso l’imputato, e non il Pubblico Ministero, il giudice può solo confermare la pena o disporne una meno grave, riconsiderando la posizione dell’imputato eventualmente con la concessione di  attenuanti. La lettura delle motivazioni di questa sentenza di appello  chiarirà quali attenuanti siano state riconosciute a questo fidanzato  violento e bestiale ma, Chiara è vittima,  ancora di più, per l’esiguità di una pena che nemmeno lontanamente può essere paragonata al danno  che ha subito, per sempre.

Ermes Mattielli è vittima della legge che  tutela l’incolumità e protegge la vita umana, non riconoscendo il diritto, per chi  è aggredito in casa sua, alla difesa.

Si dovrebbe, credo… porre mano al Codice. Diciamo addirittura che appare doveroso che il Legislatore ponga mano al Codice. Ad esempio, considerando queste gravissime lesioni allo stragiua di tentato omicidio e riconoscendo al cittadino, nella sua casa, il diritto alla difesa, con qualsiasi mezzo legale.

Ma, si sa, in Italia accadono le cose più strane, perchè l’Italia è un posto dove…

… un Presidente del Consiglio   critica e irride  i partiti di opposizione che  si riuniscono a Bologna per contestare l’operato suo e del Governo…e non dice una parola sull’attentato alla linea della TAV, attentato incosciente che poteva  diventare una tragedia.

… si tutelano i diritti dei delinquenti e non quelli dei cittadini onesti.

… le Regioni si vedono  dilazionati in trenta lunghi anni i loro debiti verso lo Stato… mentre il cittadino si vede moltiplicare una tassa non corrisposta, fino a cifre  che rasentano l’usura.

… non viene accettata la proposta del Presidente dell’INPS, di tassare le pensioni  cosiddette d’oro, per la loro “”corposità””… ma si lasciano non ancorate al costo della vita le pensioncine da 500 euro.

… non si può dire che Pasolini adescava per scopi sessuali  i giovinetti… ma si processa (giustamente) Berlusconi incline agli amori mercenari con escort minorenni che, anagrafe a parte,  non  si potevano considerare  innocenti mammolette…

Ciascuno può  continuare  questo elenco infinito, di contraddizioni, di grottesche sentenze, di inique  decisioni.

Ma, tornando alle vicende di Chiara Insidioso e di Ermes Mattielli,  è inutile, nonchè assai rischioso,  insultare i giudici, i quali applicano solo la legge. 

Iniqua, talvolta, ma legge. E il pensiero comune, ancora una volta, va alla figura del Legislatore al quale, due parole, tutti vorremmo dirle.

 

^^^^^^^^^^^^

Presento brevemente il numero on line da Oggi, per consentire, anche a chi non ha molto tempo, una più agevole e veloce consultazione di Bice, i titoli in grassetto  sono link  che portano direttamente ai relativi articoli.

Mentre a Redipuglia …    di Massimo Nardi

…c’è chi non vuole la vecchia e lacera bandiera che sventolo’ vittoriosa il 4 novembre 1918, a Bologna va in scena l’intolleranza dell’estrema sinistra nei confronti di chi non la pensa come loro.

Sinistra italiana nasce perche’ e’ stata sconfitta e cancellata all’interno del PD         

di Alberto Venturi

In Italia nasce un nuovo gruppo parlamentale, con la volontà di diventare partito, a causa di una sconfitta interna storica e definitiva, perché ad una visione delle società si è sostituita la necessità di vincere, a prescindere dal come, inventandosi ‘Il partito della nazione’

In difesa della banca di  Eugenio Benetazzo

Gli episodi di cronaca finanziaria di questi ultimi dodici mesi ci fanno capire come sono state governate le banche in Italia: per la stragrande maggioranza dei casi con l’ingerenza e la longa manus della politica. Non a caso i più grandi azionisti di gruppi bancari o di realtà ancora indipendenti sono riconducibili ancora ad oggi a fondazioni bancarie che rappresentano casse di risonanza della classe politica. 

“”Visti da vicino””

Foto di Corrado Corradi,  l’Accademia delle Scienze, Modena, al convegno sulla grande Guerra,  organizzato da Bice. Altre immagini,  presso l’Agriturismo del Papa, dove si è svolta la cena e la presentazione del libro di Massimo Nardi  Colpo di Stato: 8 giorni a Natale 2016

Redazionale

Fiorano Eventi      

Gli appuntamenti  fino a domenica 15 novembre

Auguro a tutti buona settimana e buona lettura del n. 490 – 157.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Come ti liquido la Slepoj !”

La prematura scomparsa della psicologa, scrittrice, giornalista Vera Slepoj, ha destato sorpresa e cordoglio ma c’è anche chi l’ha citata solo per il giudizio negativo

I Lions a favore del volontariato

A conclusione dell’anno lionistico 2023/2024, il Lions Club Modena Estense, congiuntamente al Lions Modena Romanica, hanno erogato un contributo di Euro 8.000,00 a favore della