Linguaggio di genere. Opportunità del suo uso attuale. Costi e attività

Condividi su i tuoi canali:

None

PROTOCOLLO GENERALE   n° 142275 del 17/09/2018

 

MODENA, 17/09/2018

alla cortese attenzione del Sindaco di Modena

                                                 e p.c., del Presidente del Consiglio Comunale

 

 

Interrogazione

 

Oggetto: Linguaggio di genere. Opportunità del suo uso attuale. Costi e attività

                                                                               Preso atto che

– con delibera del Consiglio Comunale 6/2015 furono approvate le linee guida del linguaggio di genere;

– con alcune circolari interne all’Amministrazione vennero informati i dipendenti su questo nuovo trend dell’Amministrazione evidentemente conseguente a certo linguaggio politico di “boldrinesca” memoria, fautrice di nuove regole della grammatica italiana su un proprio convincimento personale e direi quasi ideologico che cadde a cascata su molti enti pubblici come, ad esempio, i Comuni italiani i quali prontamente si adeguarono; primo fra tutti il Comune di Torino che fece un manuale di quasi cento pagine per illustrare le modalità applicative di questo “nuovo” modo di parlare e di scrivere;

                                                                          Tenuto conto

– che in seguito all’adozione del linguaggio di genere da parte dell’allora presidente della Camera dei deputati Laura Boldrini, anche l’Amministrazione Comunale di Modena si è uniformata in tal senso facendone così scaturire una grande attività lavorativa, sia informatica che amministrativa, per adeguare il sito comunale e tutti gli atti e i documenti in genere secondo le desinenze di genere imposte dall’alto, compresa sia l’attività di formazione dei dipendenti e delle dipendenti per uniformarli nel linguaggio sia per i costi legati al volume della docente Cecilia Robustelli e dei corsi da lei tenuti;

– che oggi abbiamo una nuova classe politica nazionale assolutamente non prona ad assurdità del genere;

– che la stessa Giulia Bongiorno – Ministro per la Pubblica Amministrazione – in alcune sue interviste ha ben specificato di rifiutare con fermezza questo tipo di linguaggio e di preferire in modo indiscutibile, di essere chiamata Ministro e Avvocato tirando quindi una riga su tutti questi concetti di genere;

                                                  S’interroga questa Amministrazione per sapere

– se si intende ancora perpetrare questa “moda” del linguaggio di genere a mio avviso fortemente offensiva per il genere femminile dato che le rende simili ad una specie protetta e quasi inferiore vista la tutela che ne è derivata;

– quali sono i costi sostenuti dall’Amministrazione per l’attività lavorativa, sia informatica che amministrativa, per adeguare il sito comunale e tutti gli atti e i documenti in genere secondo le desinenze di genere imposte dall’alto, compresi sia l’attività di formazione dei dipendenti e delle dipendenti in tal senso sia i costi legati al volume della docente Cecilia Robustelli e il suo compenso per i corsi da lei tenuti.

 

                                                                         

                                                                                             

 

 

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Il ragazzo del treno

I fatti, abbondantemente diffusi da ogni  notiziario, sono  assai  scarni nel loro  orrore. Nella stazione di Seregno, mercoledì 25 gennaio, scoppia  un diverbio, pare per