L’importanza del lavoro che svolgete

Condividi su i tuoi canali:

None

L’importanza del lavoro che svolgete

Lettera agli operatori scolastici

 

In occasione del nuovo anno scolastico, il sindaco Francesco Tosi ha scritto una lettera ai dirigenti scolastici, al persone docente e al personale non docente delle scuole di Fiorano Modenese: “In questo inizio di nuovo anno scolastico, non voglio alimentare la retorica del primo giorno di scuola. Sento il dovere tuttavia, insieme all’assessore Fiorella Parenti e all’interra cittadinanza che rappresento, di ricordare a Voi, operatori della scuola, l’importanza pubblica, civile e sociale, del lavoro che svolgete e per questo ringraziarVi.

In un mondo in cui assistiamo al progressivo declino della responsabilità, al diffondersi dell’individualismo, del gretto ripiegamento dell’individuo, dei gruppi e delle società su se stessi, alla chiusura sociale e culturale, la scuola assume un ruolo ancora più essenziale, quale rara e insostituibile occasione per educare i bambini e i giovani al senso di responsabilità, all’ampiezza delle vedute e degli orizzonti culturali, alla capacità di gustare la vera bellezza, mai disgiunta dal bene morale.

E’ una occasione che sarebbe colpevole perdere, un compito arduo che impegna il personale scolastico a rendere la scuola una vera maestra di vita e che lo rende degno del massimo rispetto da parte dell’intera società.

A Voi affidiamo i nostri ragazzi, fiduciosi che onorerete pienamente un difficile dovere che si identifica col Vostro straordinario lavoro. Grazie ancora.

Colgo l’occasione per comunicare che l’Amministrazione comunale ha adottato un ampio programma di interventi sull’edilizia scolastica, volti alla piena sicurezza, all’efficientamento energetico e alla modernità delle strutture, attraverso nuove costruzioni scolastiche; un programma che gradualmente si realizzerà con risultati concreti già dal prossimo anno.

Nei mesi estivi appena conclusi sono stati poi effettuati diversi lavori presso le scuole, andando solamente a ridurre la lunga lista di necessità manutentive, anche ereditata dal passato, di scuole che purtroppo non sono di recente costruzione.

In queste opere è stata data la precedenza ovviamente al criterio della sicurezza: citiamo ad esempio la messa in sicurezza di tutti i soffitti delle scuole Bursi”.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Gettare il sasso e nascondere la mano…

È un copione assai noto: c’è chi lancia pubblicamente un metaforico sasso, offendendo, insinuando, accusando… in modo voluto e inequivocabile, qualcuno e poi, vigliaccamente, nega

Appunti sulle Amministrative

ASTENSIONISMO All’appello dei votanti manca la metà degli aventi diritto… e stiamo parlando di votare per la propria città, non solo per la lontana Europa.