L’evento Fatto in Italia arriva sotto l’Abbazia a Nonantola

Condividi su i tuoi canali:

None

A PARTIRE DALLE 7.30 NELLE VIE DEL CENTRO A NONANTOLA

L’evento Fatto in Italia arriva sotto l’Abbazia

 

 

Un appuntamento da segnare in agenda: a Nonantoladomenica 28 maggio torna per tutta la giornata dalle ore 7.30 alle ore 19.00 nel centro storico lo shopping di qualità dell’evento Fatto in Italia.

 

Su banchi, sempre caratterizzati da colori e vivacità, vasta scelta di merce proposta dagli operatori: abbigliamento per tutta la famiglia e tanti accessori moda per rendere originale il proprio stile senza spendere troppo. Altrettanto interessante e ricca l’offerta di prodotti per la casa, dalla biancheria, ai cuscini, alle tende.

 

Comune denominatore di tutti i prodotti che si potranno trovare la qualità garantita dagli operatori e un prezzo che renderà la spesa ancora più piacevole.

 

 

— 

Gianluigi Lanza
_______________

Nevent S.r.l.
via Giardini 456/C
41124 Modena
tel: 059.2929413
fax: 059.342008
www.nevent.it

 


 

evento_Fatto-in_Italia.JP… (439 Kb)
 

Download

foto3.JPG (423 Kb)
 

Download

Scarica gli allegati selezionati

evento_Fatto-in_Italia.JP… (439 Kb)
Download , Elimina
foto3.JPG (423 Kb)
Download , Elimina
Cs19_EventoFIT_Nonantola_… (278 Kb)
Download , Elimina
 
 
 
 
Messaggi – Contatti – Calendario – Opzioni – PEC webmail – Logout

Copyright © 2017 – Aruba S.p.A. – tutti i diritti riservati

 
 
 
 
 
[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati