Lettere…

Condividi su i tuoi canali:

Tutto quello che vorreste dire a Modena e desiderate farlo sapere senza per questo dovere tenere comizi dalla “ringadora”. Lettere di Giovanni Bertoldi,di M. Guerrrni…e nuovi aggiornamenti


(Il contenuto di questi scritti esprimono il pensiero degli autori, necessariamente non rappresentano la linea editoriale di DaBicesidice  che rimane autonoma e indipendente.)


Mi chiamo Alfonso G. sono originario di Afragola in provincia di Napoli. Vivo a Modena da quasi venti anni, ma alcune mie inflessione dialettali tradiscono le mie origini: sono un Terrone , per i modenesi doc resto e rimango un “marocchino”.

Mi ha fatto molto pensare l’articolo  a firma di Roberto Saviano Il sangue dei ragazzi venuti dal sud su La Repubblica del 18 settembre 2009, pag. 1

Trasmetto solo alcuni pezzi di quell’articolo per girarvi  una domanda alla quale non so rispondere: ma questi nostri eroi li abbiamo ricordati come meritavano?

Questa Italia tutta sa davvero essere riconoscente con questo Sud o con indifferenza sa piangere solo quanto basta per poi dimenticare e abbandonarlo di nuovo a se stesso?

Buona lettura

 

 “Indipendentemente da dove abitiamo, indipendente da come la pensiamo sulle missioni e sulla guerra, nel momento della tragedia non possiamo non considerare l´origine di questi soldati, la loro storia, porci la domanda perché a morire sono sempre o quasi sempre soldati del Sud. L´esercito oggi è fatto in gran parte da questi ragazzi, ragazzi giovani, giovanissimi in molti casi. Anche stavolta è così. Non può che essere così. E a sgoccioli, coi loro nomi diramati dal ministro della Difesa ne arriva la conferma ufficiale. Antonio Fortunato, trentacinque anni, tenente, nato a Lagonegro in Basilicata. Roberto Valente, trentasette anni, sergente maggiore, di Napoli. Davide Ricchiuto, ventisei anni, primo caporalmaggiore, nato a Glarus in Svizzera, ma residente a Tiggiano, in provincia di Lecce. Giandomenico Pistonami, ventisei anni, primo caporalmaggiore, nato ad Orvieto, ma residente a Lubriano in provincia di Viterbo. Massimiliano Randino, trentadue anni, caporalmaggiore, di Pagani, provincia di Salerno. Matteo Mureddu, ventisei anni, caporalmaggiore, di Solarussa, un paesino in provincia di Oristano, figlio di un allevatore di pecore. Due giorni fa Roberto Valente stava ancora a casa sua vicino allo stadio San Paolo, a Piedigrotta, a godersi le ultime ore di licenza con sua moglie e il suo bambino, come pure Massimiliano Radino, sposato da cinque anni, non ancora padre.

Erano appena sbarcati a Kabul, appena saliti sulle auto blindate, quei grossi gipponi “”Lince”” che hanno fama di essere fra i più sicuri e resistenti, però non reggono alla combinazione di chi dispone di tanto danaro per imbottire un´auto di 150 chili di tritolo e di tanti uomini disposti a farsi esplodere. Andando addosso a un convoglio, aprendo un cratere lunare profondo un metro nella strada, sventrando case, macchine, accartocciando biciclette, uccidendo quindici civili afgani, ferendone un numero non ancora precisato di altri, una sessantina almeno, bambini e donne inclusi. E dilaniando, bruciando vivi, cuocendo nel loro involucro di metallo inutilmente rafforzato i nostri sei paracadutisti, due dei quali appena arrivati. “

 

(Roberto Saviano Il sangue dei ragazzi venuti dal sud da La Repubblica del 18 settembre 2009, pag. )


 Cacciari: omelia in salsa catto-comunista. 

 

Un Cacciari deludente quello ascoltato in Piazza Grande a Modena in occasione del Festival della Filosofia, molto diverso dal filosofo fine e sofisticato di altre occasioni.

Attraverso discutibili interpretazioni etimologiche dei Vangeli, l’intento  era di convincere la platea delle giustezza delle posizioni catto-comuniste nei confronti del fenomeno dell’immigrazione. Un chiaro attacco alla Lega e a chi si adopera per difendere la nostra identità nazionale e la nostra cultura.

Ma il punto più significativo è il completo superamento del concetto di integrazione, sostituito dal concetto di multiculturalità: non dobbiamo pensare di cambiare lo straniero ma dobbiamo accettarlo per quello che è, accettando la sua diversità. Alla fine l’esponente del PD arriva a mettere in discussione persino il concetto illuministico di uguaglianza, che è stato alla base della rivoluzione francese e di tutta l’ideologia di sinistra.

In pratica questo testimonia come il vuoto ideologico lasciato dal fallimento della cultura comunista stia determinato nel PD il prevalere delle posizioni cattoliche dossettiane e la marginalizzazione della componente laica che nel vecchio PCI era largamente maggioritaria.

 

Giovanni Bertoldi – Segretario Nuovo PSI Emilia Romagna – PDL


FS: Meglio tardi che mai!

 

L’ Amministratore Delegato di FS, Mauro Moretti, ha annunciato nei giorni scorsi il piano di investimenti per i nuovi treni dei pendolari. Il piano prevede uno stanziamento di 2 miliardi di euro. «Dopo tre anni di risanamento delle Ferrovie, passiamo alla fase degli investimenti» ha detto l’amministratore delegato, annunciando il via al piano.

Con questi investimenti verranno acquistati 840 tra nuovi locomotori, carrozze e convogli e 2550 carrozze saranno ristrutturate e ammodernate.

Meglio tardi che mai ! Faccio gli auguri ai miei giovani colleghi pendolari di Modena: io vado in pensione a fine anno e in futuro cercherò di evitare il treno per gli spostamenti, non per sfiducia nel piano “”morettiano”” ma per una sorta di repulsione acuitasi nel corso dell’ultimo decennio.

Ai noti disagi legati all’obsolescenza delle carrozze, specie nei treni regionali e intercity, si sono negli anni aggiunti i carenti controlli sui passeggeri ( la prima classe si paga ma non viene fatta rispettare ), la pulizia sommaria e insufficiente negli scompartimenti e nei servizi igienici, la maleducazione del personale viaggiante e dei dipendenti FS in genere, che godono del privilegio di viaggiare in, si fa per dire, prima classe , la presenza a bordo di mendicanti, zingari e ladruncoli di professione, l’assenza totale di polizia ferroviaria che ha fatto delle nostre linee e stazioni il crocevia dello spaccio e del commercio abusivo. Per quasi nove anni ho pagato un sovrapprezzo ( prima classe ) senza goderne i servizi ( inesistenti ) : carissime, vecchie e intasate autostrade, aspettatemi…arrivo!!

Massimo Guerrini, Modena

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Fndazione Modena Arti Visive

TUTTI GLI APPUNTAMENTI DI OTTOBREMostre, eventi, visite guidate e laboratori.Ecco quali sono e come per partecipare. Sabato 8 e domenica 9 ottobre ingresso libero a tutte le mostrein

Appuntamenti del mese di Ottobre  Appuntamenti del weekendDiamoci una mossa: sosteniamo l’allattamento – sede di FormigineSabato 1 Ottobre dalle ore 9.45 – In occasione della settimana mondiale dell’allattamento verrà