Letteratura, storia, geografia della memoria e? quattro grandi autori: al via il nuovo anno di Forum Eventi

Condividi su i tuoi canali:

None
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Dal giornalista Corrado Augias allo scrittore e accademico Antonio Scurati, passando per la filosofa Michela Marzano fino alla conduttrice Caterina Balivo: sono gli autori che dal 12 gennaio al 3 febbraio presentano le loro novità editoriali al BPER Forum Monzani di Modena. Quattro incontri, tutti come sempre gratuiti

Anno nuovo e nuovo calendario per il BPER Forum Monzani di Modena (via Aristotele, 33) che dal 12 gennaio al 3 febbraio porta sul palco grandi autori con i loro ultimi libri. “”Forum Eventi””, la rassegna organizzata da BPER Banca con il patrocinio del Comune di Modena, propone quattro nuovi appuntamenti gratuiti con scrittori, giornalisti, filosofi, personaggi televisivi.

Si comincia sabato 12 gennaio alle 17 con uno dei più grandi giornalisti, scrittori e conduttori del nostro tempo: Corrado Augias presenta il suo nuovo libro, intitolato “”Questa nostra Italia. Luoghi del cuore e della memoria”” (Einaudi) e accompagna i lettori in un viaggio alla scoperta di ciò che definisce il nostro carattere nazionale. Un viaggio particolare, che procede nello spazio e nel tempo, dall’attualità alla ricostruzione storica, passando per il racconto biografico. Ci si sposta dall’infanzia dell’autore vissuta tra la Libia e Roma, alle sue esperienze come corrispondente estero per i grandi quotidiani. Ci si muove dalla Milano del teatro alla Trieste di confine, transitando per Bologna, poi Roma e Napoli per arrivare a Palermo. Si incontrano le testimonianze di grandi scrittori e poeti che all’Italia hanno dato volto prima che esistesse uno Stato. Ciò che resta è una sensazione di sorpresa: la scoperta di aspetti che riflettono un paese diviso ma ricco di enormi potenzialità. 

E’ nel segno della storia il secondo appuntamento, domenica 20 gennaio alle 17 con Antonio Scurati e il suo monumentale “”M. Il filglio del secolo”” (Bompiani), uno dei libri più letti negli ultimi mesi, il primo romanzo sul fascismo raccontato attraverso Benito Mussolini. È un romanzo, sì, ma un romanzo in cui d’inventato non c’è nulla: al contrario, ogni singolo accadimento, personaggio, dialogo o discorso è storicamente documentato o autorevolmente testimoniato da più di una fonte. È la storia dell’Italia tra il 1919 e il 1925, dalla fondazione dei Fasci italiani di combattimento al delitto Matteotti, la storia di un Paese che si consegna alla dittatura, la storia di un uomo (M, il figlio del secolo) che rinasce molte volte dalle proprie ceneri. La storia della Storia che ci ha resi quello che siamo. 

Un appassionato romanzo sull’identità, la memoria, la potenza carsica delle relazioni: la filosofa Michela Marzano domenica 27 gennaio alle 17 presenta “”Idda”” (Einaudi), attraverso cui ci consegna il ritratto indimenticabile di due donne che, pur appartenendo a mondi diversi e lontani, trovano inaspettatamente l’una nell’altra ciò che avevano perduto. Alessandra è una biologa che insegna a Parigi, dove abita con Pierre. Da anni non va nel Salento, il luogo in cui è nata e che ha lasciato dopo un evento drammatico, perché non riesce a fare i conti con le ombre della sua famiglia. Quando Annie, l’anziana madre di Pierre, è ricoverata in una clinica perché sta progressivamente perdendo la memoria, Alessandra è costretta a rimettere tutto in discussione. Chi siamo quando pezzi interi della nostra vita scivolano via? Che cosa resta di noi?

Volto del piccolo schermo, alla guida del nuovo pomeridiano di Rai 1 “”Vieni da me””, Caterina Balivo debutta come scrittrice con il romanzo “”Gli uomini sono come le lavatrici”” (Mondadori) che presenta al BPER Forum Monzani domenica 3 febbraio alle 17. La Balivo inventa un personaggio che molto le somiglia: Lara, la magnetica e spiritosa ragazza napoletana che spesso parla troppo, che dice sempre la verità e che taglia i vestiti dei suoi fidanzati se scopre che la tradiscono. Nelle pagine di questo romanzo d’amore si ride e ci si commuove: c’è una lei, ci sono le amiche, e poi diversi lui; l’amore finisce, gli uomini si cambiano, ma le lavatrici buone no. Le lavatrici buone sono come i diamanti: per sempre. 

Infoline: BPER Forum Guido Monzani, tel. 059 2021093

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo