Lettera aperta al Vescovo di Bologna

Condividi su i tuoi canali:

None

alla cortese attenzione di Sua Eccellenza Matteo Maria Zuppi

 

 

oggetto: Tortellini & altro …

 

 

Eccellenza,

a pochi giorni dalla Festa di San Petronio, Patrono della città che Le è stata afidata, Lei ha deciso di rendersi protagonista di due iniziative, una simbolica e una che non esito a definire grave che danno però  il senso del Suo prossimo indirizzo cardinalizio.

 

Sono indirizzi “politici” nel senso purtroppo deteriore visto che mi riferisco alla volontà di promuovere il cosiddetto ‘tortellino della accoglienza’, ovvero senza maiale, per compiacere i fedeli islamici, ultimi arrivati nel nostro Paese, appaiato alla decisione, purtroppo molto più seria, di reintegrare l’ex sacerdote Eugenio Melandri, già parlamentare di Democrazia proletaria e di Rifondazione Comunista; Melandri, sospeso a divinis 28 anni fa e ridotto allo stato di laico è stato, per Sua volontà, incardinato nel clero di Bologna.

 

Questa scelta, che io sappia, non è frutto di una conversione, di un pentimento o di una autocritica del Melandri che continua a sostenere con forza la sua ‘fede’ social-comunista rendendo incomprensibile questo accoglimento all’interno della Chiesa Cattolica, Chiesa che è  detentrice di una Dottrina diametralmente opposta a quella propagandata per decenni dal Melandri.

 

Mi permetta, Eccellenza, che a questo punto non si può non notare che Lei pare non ritenere che il Comunismo sia una ideologia da condannare al pari del Nazifascismo come recentemente dichiarato anche dal

 

 

Parlamento Europeo; evidentemente la Chiesa che Ella rappresenta reputa gli abomini compiuti dai regimi comunisti, dei quali Eugenio Melandri è palesemente un difensore.

 

Eccellenza, mi perdoni ancora, anche se si trattasse di pura clemenza, non si è intravista tale apertura verso altri sacerdoti ridotti allo stato laicale per le loro idee difformi non alle leggi dello Stato, ma al catechismo della Chiesa cattolica degli ultimi, tribolati, anni; Eccellenza, con il rispetto e l’umiltà di un cristiano non sempre figlio fedele della Chiesa, ho sempre visto nell’insegnamento della Chiesa una via e un monito per tutti,  e davanti a queste scelte mi sento disorientato e smarrito. E con me tanti altri fedeli.

 

Per questo mi permetto, e spero di non peccare in tracotanza, di chiedere spiegazioni direttamente a Lei.     

 

Con osservanza

 

                                                               

                                                            

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo