Lettera aperta al nuovo Questore

Condividi su i tuoi canali:

None

Al Signor Questore di Modena Salvatore Margherito

 

Egregio Signor Questore,

                                      abbiamo molto apprezzato l’intenso attivismo di queste Sue prime settimane in città. In particolare non ci è sfuggito il senso della scelta di celebrare al Tempio Monumentale la messa per il patrono della Polizia, durante la quale Lei ha affermato di “voler far sentire la presenza delle forze dell’ordine a fianco della cittadinanza”. 

Le confermiamo pertanto la nostra totale disponibilità a collaborare, tanto che siamo già pronti ad indicarLe quei locali pubblici la cui chiusura, guarda caso, coincide sempre con l’interruzione dello spaccio nelle nostre strade. E ciò dovrebbe fare riflettere su quale sia la reale attività di questi locali commerciali.

Già in passato abbiamo fornito simili informazioni alle forze dell’ordine ma non ci è parso siano mai stati effettuati controlli accurati.

D’altra parte le stesse telecamere installate in via Piave, che registrano ‘tutto lo spaccio minuto per minuto’, dovrebbero avere offerto abbondanti indicazioni su come sradicare il sistema di approvvigionamento degli spacciatori e dei tanti tossici che contempliamo, da anni e quotidianamente, dalle finestre di casa.

Per tali motivi gradiremmo molto se la nostra collaborazione potesse iniziare con un controllo, eventualmente con cani antidroga, in quei locali pubblici che abbiamo ripetutamente segnalato.

Sarebbe questo un bel biglietto da visita da parte Sua. Sarebbe il modo più efficace per farci sentire più vicina e rassicurante la presenza delle forze dell’ordine nella nostra zona.

 

Mentre attendiamo di fissare il giorno in cui poterLa accompagnare nella promessa passeggiata per le strade del quartiere, cogliamo l’occasione per porgerLe i nostri ossequi.

 

                    

Comitato  per la Sicurezza  Tempio-Stazione

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...