Lettera al Direttore dai Popolari Liberali

Condividi su i tuoi canali:

None

Caro Direttore,

            chiedo innanzitutto per i lettori una doverosa precisazione, auspicando che sia l’ultima volta in cui siamo costretti a smentire notizie non rispondenti al vero, che alimentano la polemica sulla base di circostanze suggestive ma non reali: i sig.ri  Antonio e Renato Corvino di Cavezzo, recentemente arrestati, non sono mai stati iscritti al PdL.; perché la loro richiesta di adesione venne respinta.

            Questi due nominativi infatti non risultano negli elenchi dei tesserati al partito, nemmeno tra i cosiddetti sospesi, circostanza ben nota sia all’ on. Bertolini che al Consigliere Leoni.

Evidenzio che quando non era ancora scoppiata la polemica, fummo proprio noi a chiedere a Roma, per il tramite del sen. Giovanardi, l’esclusione di una ventina di domande di adesione  che non ci convincevano.

            Se dopo il grande lavoro svolto e i controlli rigorosi effettuati assieme dell’on Denis Verdini è sfuggito un nome ce ne rammarichiamo, ma nessuno è umanamente in grado di fare di più di quello che abbiamo fatto.

 

            Rimaniamo in fiduciosa attesa delle risposte che la magistratura modenese darà all’esposto formale presentato su questa questione dal Sen Giovanardi.

 

Il Vice-Coordinatore Vicario PdL Modena

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo