Legge Zampa: in arrivo altre “”zampate”” ai nostri esausti portafogli?

Condividi su i tuoi canali:

Potrà anche  apparire ipocrita e irreale, forse non del tutto trasparente... ma il programma dell'accoglienza illimitata procede spedito e inarrestabile, ulteriormente arricchito grazie alla “Legge Zampa”, dal nome della prima firmataria, la Sen. Sandra Zampa, eletta nelle liste del PD. Il provvedimento, approvato in via definitiva, tutela i minorenni stranieri non accompagnati, accolti tutti, senza eccezione alcuna  e protetti da una serie di costose misure a loro esclusivo favore.  

Foto e didascalia originali  https://www.unicef.it/doc/7324/approvata-la-legge-zampa-per-minori-stranieri-non-accompagnati.htm


La parola “”minore non accompagnato, evoca, anche nelle persone più dure di cuore, l’immagine di un bimbetto, piangente e lacero, vulnerabile e solo. Eppure, i minori non accompagnati sono decisamente più grandicelli, come quelli ritratti nella fotografia, della quale ho riportato fedelmente  anche la didascalia. A minori come quelli della foto…(che avevano comunque a disposizione un’ingente somma, per pagare gli scafisti !) garantiremo, come italiani, diritti che spesso non hanno neppure i nostri figli, grazie alla Legge Zampa. Lodevole, civile, encomiabile, attesa… questi sono solo alcuni degli elogi riservati a questa legge; trionfanti poi i commenti di Gentiloni, Boldrini, di tutte le più alte cariche dello Stato, fino alla promotrice, Sen. Zampa, che l’ha definita come “”Questo provvedimento è inoltre un investimento per un Paese che registra un saldo demografico negativo””
Questo lamento, sul saldo demografico negativo, quando contemporaneamente si inneggia all’aborto come a una delle più  grandi  conquiste della donna… mi appare un tantino incoerente ma non importa. (http://www.camera.it/leg17/465tema=minori_stranieri_non_accompagnati).

Tra le misure previste:

– i minorenni stranieri non accompagnati e/o separati non sono soggetti a respingimento alla frontiera, senza alcuna eccezione;

– è ridotto il termine massimo di trattenimento dei minori nelle strutture di prima accoglienza (da 60 a 30 giorni);

– le procedure per l’accertamento dell’età vengono migliorate e uniformate;

– viene stabilito un sistema organico di accoglienza dei minorenni stranieri non accompagnati, che soddisfi gli standard minimi delle strutture residenziali per minorenni;

– viene esteso l’utilizzo di mediatori culturali qualificati col compito di comunicare e tradurre i bisogni di questa categoria di minorenni particolarmente vulnerabili;

– viene promossa la figura dell’affido familiare, così come la nomina puntuale di tutori volontari per questi minorenni;

– vengono rafforzati alcuni dei diritti riconosciuti ai bambini non accompagnati, come quello all’assistenza sanitaria, all’istruzione, alla piena attuazione delle garanzie processuali;

– viene istituito un Sistema informativo nazionale dei minori non accompagnati presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche

Tutto  bello, tutto straordinariamente civile, tutto veramente lodevole… tutto veramente oneroso. Credo sia legittimo chiedersi, pertanto,  se possiamo permettercelo. Una simile iniziativa, in una nazione che sta soffrendo più delle altre per la crisi perdurante, che registra la fuga dei suoi giovani ( e non) verso paesi in cui sia possibile lavorare e vivere meglio; una nazione che quotidianamente assiste alla chiusura di imprese, attività grandi e piccole… mi appare altrettanto incoerente. Ma neanche questo importa.

Resta da stabilire come si potrà far fronte a queste ulteriori spese: forse con  altri balzelli, con altre inevitabili “”zampate”” agli  ormai  esausti borsellini degli italiani ?

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Come di consueto,  qui di seguito presento brevemente il numero on line da oggi. I titoli in grassetto portano direttamente ai relativi pezzi.  Questo per consentire anche a chi ha poco tempo, di poter sfogliare più facilmente il giornale.

Legge Zampa: in arrivo altre “”zampate”” ai nostri esausti portafogli?

di A.D.Z.

Prove tecniche di candidature sulla pelle degli italiani

di Massimo Nardi

Alessandro Cecchi Paone diventa il profeta della non violenza. e, quando non sa cosa dire, si appella alla parola chiave su cui e’ fondata la repubblica italiana:-Lei, e’ fascista –

Aboliti i Referendum pero’… li stiamo preparando

di Alberto Venturi

Tutti sappiamo della loro abolizione, ma ancora dal Ministero agli uffici elettorali degli ottomila comuni non sono arrivate comunicazioni in merito e da oggi, perciò,  cominceranno a muovere la macchina organizzativa per le affissioni dedicate e via dicendo perché ci sono tempi e procedure da rispettare rigorosamente.

Una tranquilla disperazione

di Luigi Guicciardi

Martedì 11 aprile, alle ore 20.30, alla Rocca di Vignola (MO), nell’ambito della rassegna “”La scrittura si tinge di giallo”” la presentazione  del libro “”Una tranquilla disperazione. Un’indagine del  modenese commissario Cataldo.

UNICEF: Una Storia bellissima

di Roberto Armenia

La testimonianza del Presidente Unicef per Modena e provincia, Prof.ssa Adonella Ferraresi Ferrari sull’Unicef  e sulle sue meritorie attività, ai giorni nostri.

Alitalia Forever

di Eugenio Benetazzo

Sintetizzando al massimo quanto è accaduto in questi due decenni sino all’esperienza di rilancio fallimentare a firma araba, pur considerando che i costi caratteristici del personale di Alitalia sono molto più elevati rispetto a quelli della “”regina dei cieli”” Ryanair, non è su questo fronte che la compagnia di bandiera italiana si è scavata nel tempo la fossa.

Auguro a  tutti  buona settimana e buona lettura del n. 556 – 230.

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo