Le zanzare di Cognento non sono gratis

Condividi su i tuoi canali:

None

L’amministrazione comunale di Modena ha un bilancio talmente oculato, che ti fa pagare anche le zanzare pubbliche !

I cittadini di Cognento, infatti, beneficiano di un “”servizio zanzare Tigre”” a carico del contribuente cittadino modenese, attraverso uno zanzarificio pubblico molto efficiente, individuato nel depuratore di quartiere, da sette anni inattivo e privo di adeguata manutenzione, oltre che dello scarico e relativo smaltimento delle acque nere e dei fanghi residui.

In questo periodo dell’anno la produzione di zanzare è al massimo, poichè l’offerta-risparmio 3×2 comprende, oltre al modello Tigre-super, anche l’essenza di fanghiglia di fosso e il sottofondo-rap-non-stop del mescolatore di fango, che accompagna le notti bianche cognentesi.

Questo giochino-scherzetto-esperimento è stato abbandonato ai Cognentesi dalla amministrazione comunale di Modena, in attesa di capire in che modo catturare la Tigre senza chiudere l’impianto e destinare l’area ad una nuova rotatoria.

Se non fosse che si tratta di un problema di salute pubblica, ci si potrebbe anche scherzare sopra, ma lo scherzo orchestrato ai Cognentesi non è stato gradito, non fosse altro che, per il denaro speso e per lo scopo del finanziamento pubblico “”europeo””, qualche beneficio il contribuente potrebbe anche ottenere.

Per ora abbiamo solo questo “”privilegio””; le visite guidate sono garantite tutte le sere dalle 20.30 alle 24.00 …..ingresso libero e solo con la ……..maschera!

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

La tragedia di Firenze

Il disastroso crollo nel cantiere edile in via dei Martiri, a Firenze,  oltre al problema della sicurezza, drammaticamente ha rivelato cose che purtroppo, pur essendo

Mons. Giacomo Morandi e il suo Non Expedit

Subito dopo l’Unità d’Italia, alcuni sacerdoti prima e poi voci della Chiesa  sempre più ufficiali dichiararono sconveniente e quindi inaccettabile la partecipazione dei cattolici alle