Le Salse di Nirano sempre più accessibili

Condividi su i tuoi canali:

None

 

L’accessibilità della Riserva anche a persone con difficoltà motorie è stata recentemente ‘testata’ dall’AISM e a breve sarà ampliata grazie a un nuovo collegamento all’ecomuseo di Cà Rossa.

 

Sono tante le persone che ogni giorno passeggiano liberamente lungo i sentieri dell’area protetta regionale di Nirano, per godere del paesaggio unico delle Salse, immersi nella natura. Alcuni di questi sentieri sono accessibili anche a  ipovedenti e a persone con disabilità fisica, che possono così ammirare il fenomeno dei ‘vulcani di fango’ e godere della bellezza della zona.

L’accessibilità della Riserva delle Salse di Nirano è stata di recente ‘testata’ e approvata da una delegazione di AISM, Associazione Italiana Sclerosi Multipla, che, durante una visita ha potuto constatare la completa fruibilità del sentiero ‘Siti Aperti’ e dei Centri visita Cà Tassi e Cà Rossa per tutti.

Il sentiero si snoda per circa 150 metri, lungo una passerella sopraelevata in legno, all’interno della zona integrale della Riserva, è privo di barriere architettoniche, percorribile anche da persone in carrozzina o con passeggini. E’ dotato di cartellonistica in lingua inglese, braille e italiano descrittiva del fenomeno delle salse e delle emergenze ambientali che rendono la Riserva area di pregio naturalistico. Da lì è possibile godere del ‘ribollio’ delle Salse, ammirare i coni di fango, conoscerne meglio la natura ed ascoltarne i suoni. ‘Siti Aperti’ è collegato al parcheggio del ‘Pioppo’, dove sono disponibili due parcheggi riservati ai disabili, tramite il sentiero del Riccio (n. 2), che costeggia la strada comunale via Rio Salse e consente l’accesso all’Area protetta.

Questo percorso è stato scelto per le sue caratteristiche di accessibilità, anche come tappa del docufilm ‘Tanta strada nei miei sandali’, prodotto da Orso Rosso Film, andato in onda su RAI 2 a settembre, che vedeva impegnati un gruppo di 9 ciclisti e cicliste, alcuni con disabilità, da Piacenza alla foce del Po, per raccontare la bellezza del territorio e dello stare insieme.

La grande attenzione da sempre dedicata dal Comune di Fiorano Modenese all’accessibilità dell’area è confermata dall’approvazione a fine 2021 del progetto esecutivo di un nuovo collegamento da ‘Siti aperti’ all’ecomuseo di Ca’ Rossa, già accessibile a disabili, dove è possibile per grandi e piccini conoscere  le tradizioni del passato, grazie ad una ricca dotazione di pannelli, documenti, foto e attrezzi agricoli. Tutto questo nell’ottica di valorizzare sempre più un turismo sostenibile sul territorio, come sottolineato anche  dall’ingresso della Riserva delle Salse di Nirano nella importante Biosfera Mab Unesco, a fine 2021.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

DA OGGI LE NUOVE MISURE ANTISMOG

Entrano in vigore anche a Sassuolo, come nelle restanti realtà appartenenti al Pair 2030, le nuove misure per la gestione della qualità dell’aria. Lo stabilisce

Storia dellaDemocrazia Cristiana

Presentazione del libro11 Marzo 2024ore 18.00     Carissime, carissimila Democrazia Cristiana è stata un partito attraversato da diverse fasi storiche che ne hanno caratterizzato l’attività