Le opinioni del consigliere indipendente Caropreso

Condividi su i tuoi canali:

None

 e quelle di un cittadino qualsia

 

Pretendendo di guardare troppo lontano, è possibile inciampare in ostacoli vicini.

Non so se l’iperproduzione mediatica del consigliere indipendente Caropreso sia imputabile alle ingenti quantità di kebab o di cous-cous di cui lui stesso ha pubblicamente dichiarato di fare uso intensivo, ma una cosa è certa: non si può dire che ci risparmi lezioni di vita.

Tanto che verrebbe da domandarsi cosa ci faccia questo signore in un questa piccola città in cui vivono cittadini così provinciali e ignoranti – se ho ben interpretato – da lamentarsi per l’eccessiva presenza di immigrati in talune zone e di clandestini.

E come mai non sia stato chiamato a ricoprire incarichi ben più importanti, che una sua così profonda conoscenza dell’umanità e dei fenomeni sociali giustificherebbero.

A dire il vero, pensando alle parole del consigliere indipendente Caropreso mi sorgono spontanee anche altre domande.

Per esempio perchè non abbia rassegnato le dimissioni da consigliere allorquando si è reso conto di non essere d’accordo col partito (e quindi con gli elettori che quel partito votarono) che gli ha consentito di far parte del Consiglio Comunale.

E ancora: se per caso, a furia di guardare lontano, al di là dei mari, tra tutti quei cetacei e quelle popolazioni così bisognose di aiuto di cui parla, gli sia mai capitato di accorgersi che anche nella nostra città i poveri, vecchi e nuovi, che non riescono ad arrivare a fine mese, non mancano.

Se si sia mai accorto del debito pubblico che l’Italia ha, prima di affermare che quei disperati vengono qui da paesi lontani perché siamo ricchi.

Se abbia ben compreso il malcontento dei cittadini italiani di fronte ad un’immigrazione selvaggia e alle sue conseguenze.

Se abbia capito che gli Italiani sono un popolo da sempre disposto ad aiutare il prossimo, ma che qui stiamo diventando troppo “fitti” e che “stringersi” per stare male tutti non è uguale a spedire un soldino a casa di chi ne ha più bisogno di noi, ammesso di avercelo il soldino in più nel portamonete.

Certo, queste sono opinioni di un cittadino qualsiasi, che lasciano il tempo che trovano ne’ più ne’ meno di quelle del consigliere indipendente Caropreso, ma vorrei rassicurare il partito che per le prossime amministrative avesse in mente di inserirlo nelle proprie liste: io quel partito non lo voterò.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Come ti liquido la Slepoj !”

La prematura scomparsa della psicologa, scrittrice, giornalista Vera Slepoj, ha destato sorpresa e cordoglio ma c’è anche chi l’ha citata solo per il giudizio negativo

I Lions a favore del volontariato

A conclusione dell’anno lionistico 2023/2024, il Lions Club Modena Estense, congiuntamente al Lions Modena Romanica, hanno erogato un contributo di Euro 8.000,00 a favore della