L’è Novo!

Condividi su i tuoi canali:

Le incoerenze di un governo che si proclama “nuovo”  ma che  fra le sue file annovera molti  personaggi che  appartengono al precedente.

Abbiamo il governo Renzi 1, almeno, così pare. La rosa dei Ministri è stata ridotta a 17 nomi, compreso il Premier, e, ahi noi, non hanno trovato posto Dudu, Pupo, Fede, Elkann e gli altri su cui avevo, nel precedente numero, fatto un pensierino.

Questo è il governo del cambiamento, dei giovani, dei nuovi…ma ne siamo proprio sicuri? Passiamo assieme in rassegna alcuni Ministri.

Partiamo, ad esempio, da Angelino Alfano; se nel governo Letta era sia Ministro degli Interni sia vicepremier, con il Renzi 1 è stato confermato alla guida del Viminale.

Al ministero della Salute con il Governo Letta c’era Beatrice Lorenzin, e lì è rimasta.

Pensate un po’, anche al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti nessun avvicendamento…Maurizio Lupi c’era e Maurizio Lupi c’è.

Nooo, ma delle facce nuove ci sono, ad esempio a presiedere il Ministero della Giustizia è stato nominato Andrea Orlando; effettivamente mi ricorda qualcosa…Ah, è vero, nel governo Letta era Ministro dell’ambiente.

Dario Franceschini, l’attuale Ministro della cultura e del Turismo? Anche lui c’era già! Era ministro per i rapporti con il parlamento, poi è spuntata la barba bianca, quella da anziano saccente, e hanno deciso di “promuoverlo” a senex.

Eh, quel tale, sindaco di Reggio Emilia, Graziano Del Rio…uffa…da ministro degli affari regionali a sottosegretario alla presidenza del consiglio, e, siccome non c’è più il vicepremier ne ricopre appieno il ruolo.

Poi ci sono i sottosegretari del Governo Letta 1, promossi Ministri con il Renzi 1, cioè Roberta Pinotti (Difesa), Gianluca Galletti (dall’istruzione all’ambiente) e Maurizio Martina (Agricoltura). Quindi, riepilogando, dei 17 incarichi, 9 sono conferme, promozioni o cambi di poltrona? Più della metà!

Ma non ci avevano venduto il Renzi 1 come il governo del cambiamento…se questi sono i presupposti…

 

Firmato “L’è Novo!”

 

“abbasserò il Pil ma aumenterò il Pil-ates”

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati