LE LAVORATRICI DEI CENTRI ESTIVI COMUNE DI MODENA

Condividi su i tuoi canali:

None

CENTRI ESTIVI COMUNE DI MODENA, LE LAVORATRICI RIUNITE STAMATTINA IN VIDEO ASSEMBLEA CHIEDONO IL RISPETTO DELL’ACCORDO PER CONTINUARE A GARANTIRE IL SERVIZIO ALLA CITTADINANZA

 

 

 

Oggi 12 giugno si è svolta l’assemblea convocata dai sindacati Fp Cgil e Cisl Fp in modalità videoconferenza di tutto il personale dei servizi educativi 0/6 del Comune di Modena.

Erano presenti i collettivi di tutti i nidi, le scuole d’infanzia e i servizi integrativi a gestione comunale, con oltre 210 tra educatrici, insegnanti, collaboratrici e cuoche per discutere della decisione presa unilateralamente da parte dell’Amministrazione comunale di Modena di recedere dal protocollo in essere sulla gestione delle attività estive per il mese di luglio.

L’assemblea delle lavoratrici ha dato pieno mandato alle Organizzazioni sindacali Fp Cgil e Cisl Fp di rappresentarle e ha approvato un ordine del giorno dove chiede al Comune di rispettare l’accordo siglato, e di rivedere la decisione presa rispetto alla disdetta, per fornire i servizi ai bambini e alle bambine del Comune con il proprio personale fino al 17 luglio 2020.

Le lavoratrici e i lavoratori hanno approvato in assemblea una lettera aperta del personale dei servizi educativi indirizzata al Sindaco di Modena e alla cittadinanza tutta.

 

Alleghiamo ordine del giorno e lettera aperta approvati nell’assemblea odierna.

 

 

 

Giada Catanoso Fp Cgil Modena

Sabrina Torricelli, Cisl Fp Emilia Romagna

 

 

 

 
 
[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

La prudenza non è mai troppa

Ritenute espressioni della saggezza popolare, i proverbi contengono una lezioncina morale o danno  consigli e come tali si accettano ; certo a volte sono insopportabili

Accogliere e inserire si può

È arrivato alle cronache il caso di Dino Baraggioli, titolare dell’Artplast di Robbio, nel Pavese, con 90 dipendenti, che – come racconta l’Agi- aveva grosse

Biden o Trump? Le ricadute per l’Europa

Al di là dell’oceano, nella capitale dell’impero, con le elezioni di novembre,  l’inquilino della casa Bianca potrebbe cambiare, ossia il presidente. Quello che ha il potere