Le interviste di BICE : Sara Bergami

Condividi su i tuoi canali:

BICE intervista  Sara Bergami, Presidente della PRO LOCO MARANELLO

 

Con questa prima intervista Bice intende dare voce a coloro che spesso voce non l’hanno.Parliamo di quelle associazioni, comitati, gruppi di persone che con il loro lavoro, spontaneo, gratuito e volontario pongono in essere azioni al servizio della collettività.Nel nostro territorio, il “terzo settore”, così com’è chiamato ora, rappresenta una delle più grandi risorse del territorio ed è indiscutibile ilvalore sociale e civile ed il ruolo nella società come espressione di partecipazione, solidarietà e pluralismo.Anche BICE, consapevole del grande impegno profuso dai diversi protagonisti, per quanto possibile, vorrebbe sostenere queste aggregazioni di volontari e favorire la divulgazione delle loro iniziative per il conseguimento delle finalità di carattere sociale, civile e culturale.

In cosa consiste l’attività di presidente della Pro Loco Maranello?

lo scopo e le finalità della Pro Loco Maranello sono quelle di promuovere il territorio attraverso l’organizzazione di spettacoli e manifestazioni, ed in generale di favorire la crescita culturale, civile, socio – economica del territorio; contrariamente ad altre Pro Loco del comprensorio modenese, abbiamo fatto la scelta di valorizzare la cultura musicale  in tutte le sue forme: corali, concerti di violino e pianoforte, curando soprattutto l’interesse e la curiosità del pubblico che ci segue sin dall’inizio della nostra attività.

Siamo partiti dal presupposto  che creando un evento o una  manifestazione più o meno  ripetibile, saremmo stati capaci  di contribuire con le nostre  opere alla crescita culturale e  civile del territorio. Con sempre  maggior frequenza l’elemento  chiave alla base della  costruzione di un’idea di  successo pare essere la  presenza di stimoli culturali  che  noi cerchiamo di offrire  garantendo la presenza, alle  nostre manifestazioni di artisti e  protagonisti di alto spessore. Per valorizzare una proposta, spesso accompagnata alla solidarietà, ci è sembrato necessario promuovere la creatività attraverso professionisti di talento come il maestro di Violino Gentjan Llukaci, che in più di una occasione si è esibito unitamente a giovani talenti che con passione e dedizione si sono prodigati nello studio del violino e di altri strumenti musicali, consentendo loro di esprimere la propria dote innanzi alle famiglie ed alla comunità cittadina. Questo oltre che a rappresentare una importante risorsa per la collettività, stimola gli allievi ad applicarsi e a dedicarsi allo studio della musica e dello strumento con l’attenzione e la dedizione necessaria per potersi esprimere al meglio, imparando con disciplina e rigore ad affrontare le prove, come quella di una esibizione.

Ovviamente per una Pro Loco sono indispensabili le relazioni che legano risorse culturali, intento strategico della politica per realizzare le nostre  iniziative come i concerti che hanno come obiettivo quello di contribuire ad una crescita socio-economica del territorio.Come ho accennato lo scorso anno abbiamo realizzato due concerti molto importanti presso l’Auditorium di Maranello, con l’ausilio del maestro Llukaci, tenutisi il 30 giugno e il 30 novembre in cui si sono messi alla prova giovani talenti che con la loro arte hanno emozionato e coinvolto il pubblico presente.I concerti sono poi stati il pretesto per raccogliere fondi a favore di una associazione di volontari che operano sul territorio nell’assistenza oncologica. Per quanto riguarda le corali, il 2017 è stato il terzo anno consecutivo in cui abbiamo fatto dei concerti di Natale sia  in chiese che in teatri.L’accompagnamento musicale è sempre con musicisti talentuosi che ci onorano della loro presenza.

Perché le corali?

Io stessa faccio parte di una corale nel comune di Maranello, e quando propongo dei concerti le corali del comprensorio modenese si uniscono con entusiasmo! Evidentemente questi gruppi di persone che amano cantare pur non conoscendo la musica e distogliendo il tempo alle loro attività personali hanno il piacere di condividere con altri questa passione!Consideri anche che nella corale devi annullare la tua personalità per seguire esattamente ciò che il  direttore ti dice, gli attacchi etc. e si deve sentire una sola voce: quella della corale! Quindi la difficoltà è maggiore, soprattutto dal punto di vista caratteriale.Le soddisfazioni sono enormi quando i canti, che tu reputi difficili, riescono bene!

Che tipo di eventi vengono organizzati con le corali?

I concerti che vengono portati in scena riguardano, in linea di massima, un repertorio di impronta classica, ma largamente conosciuto, che sappia coinvolgere il maggior numero di spettatori. Spesso in TV o alla radio si ascoltano brani del repertorio classico, associati a spot pubblicitari o utilizzati come sottofondi musicali: il pubblico che non conosce tali brani comunque li assimila e riproporli in un contesto concertistico li fa sentire piacevolmente coinvolti e non disorientati.

E’ questa la forza del repertorio dell’ensemble di corali modenesi a cui partecipo: proporre brani di un certo spessore artistico, ma largamente conosciuti, in modo da abbattere il muro di diffidenza che spesso anima i più nei confronti di realtà che, solo all’apparenza, risultano ingessate.

Com’è il “”clima“” che si vive all’interno delle corali

Diversamente da quanto si potrebbe pensare, proprio in merito al fatto che una corale possa apparire “”ingessata””, l’atmosfera che si respira all’interno delle corali è fortemente conviviale e amichevole: non mancano le battute a stemperare i sacrifici che spesso si fanno durante le prove. Inoltre, fra tutti i direttori delle corali che compongono l’ensemble , si è creata un’armonia, una sorta di intesa magica, per la quale ogni evento è vissuto come una festa e la fase preparatoria diventa un motivo di star insieme al’insegna del buon umore, ma anche e soprattutto della buona musica.

Consiglierebbe e a chi di far  parte di un coro?

Le corali come le nostre stanno  vivendo purtroppo un momento  di “”stanca””, dovuto a tanti  fattori, non ultimo l’impegno  settimanale costante e una  sorta diindividualismo che sta  prendendo sempre più piede  nella nostra società e che  spinge le persone a rinchiudersi nella propria casa al termine di  una faticosa giornata lavorativa.

Al contrario, una  opportunitàcome quella di  cantare in un coro farebbe  bene  a tutti, a prescindere  dall’età.  Rimanendo fuori da ogni  retorica, la musica, quella di  spessore, quella che  rappresenta la vera bellezza,  educa la sensibilità dell’animo  umano verso il bello e verso il  vero. 

Poter contare sul supporto di altre persone che condividono gli stessi obiettivi, per raggiungere tali traguardi personali credo che sia un’opportunità da non perdere, a qualsiasi età.

G.C.M.

 

.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Libri di Storia fatti di pietra

Servizio fotografico di Corrado Corradi ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^Nella giornata di sabato 1° ottobre 2022, in strada Canaletto Sud, angolo via Finzi, c’è stata la cerimonia di inaugurazione