Le comunità e i partiti

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp

La distanza tra comunità e partiti riguarda la partecipazione alla politica attiva. All’ultima tornata elettorale si è registrata una grande differenza fra il risultato delle europee e quello delle comunali. La distanza tra comunità e partiti riguarda anche la differenza tra il consenso nazionale e quello locale. 

 


 La discrepanza dei risultati dei partiti vincitori alle   elezioni europee rispetto alle comunali segnala un   aspetto che dovrebbe far passare notti insonni ad ogni   leader di partito. Laddove viene meno il concetto di   comunità politica a vantaggio di una gestione del partito   in chiave leaderista, i voti sul territorio sono slegati e   contraddicono il consenso nazionale. Berlusconi, che ha sempre gestito il partito ad personam, in vent’anni è riuscito ad insegnare agli attuali 40enni al potere che oggi si può ottenere il consenso senza avere il popolo alle spalle. Lo sviluppo della tecnologia, e della propaganda massmediatica attraverso i social ha fatto il resto. Oggi ci si misura sui like, sulle interazioni, sui trends topic. Il camper elettorale lascia spazio alle campagne Facebook targettizzate. 
La disintermediazione sociale, che passa sopratutto dalla distruzione delle comunità-partito e delle associazioni di categoria, è un disegno preciso di chi vuole ridurci a schiavi dei poteri forti. Meno comunità più individui. Questa è la regola. A tale disegno non sono immuni nemmeno i partiti dell’area sovranista. 
La distanza tra comunità e partiti riguarda la partecipazione alla politica attiva. All’ultima tornata elettorale si è registrata una grande differenza fra il risultato delle europee e quello delle comunali. La distanza tra comunità e partiti riguarda anche la differenza tra il consenso nazionale e quello locale. Molti elettori, per esempio, hanno votato Lega alle Europee, ma non nei comuni. Perché? 
Perché è chiaro che un conto è il consenso del leader, non a caso i simboli dei partiti portano il nome del capo, un altro è il consenso del partito sul territorio che deve fare i conti con le logiche che non rispondono facilmente al sentiment creato ad arte sui social. Nei paesi vince ancora chi sa entrare in contatto fisico con la gente. Ed è proprio questo che deve preoccupare chi comanda i partiti oggi: avremo mai più dei partiti che sviluppano pensiero, elaborano soluzioni, creano comunità? Ci dovremo abituare ad un elettorato che, orfano di alti ideali in cui credere, farà pollice verso a leader prima osannati e poi consumati nel tempo di una stagione?

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Al Dio sconosciuto

In questi  giorni, per la  prima volta credo  nella vita di tutti,  sentiamo veramente  il problema della siccità… Per quanto sia endemico, sembrava solo un

Gli italiani non votano…

Ci sono frasi che rimangono nella memoria delle persone e nella storia di un popolo. Una di queste, pare sia state detta da Vittorio Emanuele

Il salario minimo?  Davvero?

Il salario minimo verrà applicato anche agli schiavi che lavorano per tre euro l’ora, al sud e al nord, o per loro nulla cambia in

‘I dolori del giovane Giggino”

Normalmente un movimento qualunquista dura tre o quattro anni. Il M5S , che è il prototipo del qualunquismo populistico per eccellenza, è durato oltre 12