L’arco e le frecce

Condividi su i tuoi canali:

Il colore rosso è una costante in questa dolorosa vicenda.Il rosso  dei nastri che adornano
le corone d’alloro  delle lauree, il rosso  dei fiocchi festosi sul  cancello  di casa, il rosso dell’auto 
di  Riccardo. Purtroppo, anche il rosso del suo sangue. Incidente o gesto  volontario, forse non
si saprà mai. Una tragedia dietro la quale, ci sono le tenebre della solitudine, il timore di deludere le aspettative e i sogni dei  genitori. Per il poeta Khalil Gibran i genitori sono l’arco e i figli le frecce…
Ai figli cui si può dare la vita, ma non i sogni e le idee.

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che è accaduto a Riccardo  Faggin che ha perso la vita  schiantandosi contro un platano, nella notte fra il 28 e il 29 novembre, ad Abano Terme; il  giovane, uno  studente di 26 anni, avrebbe dovuto discutere la tesi di laurea in Scienze Infermieristiche di  lì a qualche ora, nell’ateneo padovano.
Ma, nelle ore successive, si è aggiunta a questa notizia  la smentita dell’ateneo, sulla tesi che Riccardo avrebbe dovuto  discutere, concludendo il suo  ciclo  di studi… ciclo non  completato, poiché non aveva superato  tutti  gli  esami. Un fulmine a ciel sereno, caduto sui suoi poveri genitori, con il  loro  dolore immenso, reso  ancor più devastante dalla scoperta di una vita parallela, purtroppo  costellata di bugie, del loro figlio che da mesi  li  tranquillizzava su  esami  ostici  superati e su una misteriosa tesi già pronta, tesi che aveva tenuta nascosta anche a loro.

Tutto questo apre, purtroppo,  altri  scenari dietro una tristissima vicenda, l’ennesima vittima della strada per un incidente che può essere, invece, conseguenza di un gesto volontario. L’ipotesi di un suicidio, pur terribile e amara, non è pertanto  esclusa. Non approfondirò l’argomento, oggetto  di indagine.

Tuttavia. pur senza entrare  nella delicata trama della vita di Riccardo,   fa davvero pensare  la tragica fine di questo giovane cui, forse, i genitori avevano, per loro  stessa ammissione, “chiesto troppo”.  Sia la madre, sia il padre, hanno parlato di pressioni fatte sul figlio, affinché concludesse gli studi, affinché si  realizzasse… pressioni per smuoverlo  da una certa apatia della quale, in particolare  durante il periodo d’isolamento  dovuto alla pandemia di Covid19, il loro figlio era preda.   
La vicenda di Riccardo  può essere l’emblema di quello  che, più o meno consapevolmente, molti genitori  fanno, cercando  di far salire quanto più in alto possibile  con l’ascensore sociale i loro  figli, facendo  di  tutto  affinché salgano più di loro,  guadagnino più di loro, abbiano  vite più  appaganti e facili della loro.

È bellissimo, nonché frequentissimo, vedere immagini  festose di orgogliosi genitori e altri congiunti che festeggiano un neolaureato , che sia la laurea triennale o il dottorato. Immagini che preludono ad altre immagini, con notizie correlate, di master prestigiosi da aggiungere al  curriculum di  studi. Che siano figli di laureati, o  di chi per vari motivi non è andato oltre la Maturità o la licenza di Scuola media… questi  giovani sono l’orgoglio  dei  loro  genitori, dei quali hanno  eguagliato o  superato i traguardi.
Con molta ipocrisia si afferma che ogni onesto lavoro merita rispetto, è dignitoso e lodevole…ma, ciascuno, per i propri figli, desidera ben altro  che lavori ( peraltro redditizi, oltre che frutto comunque di  un altro genere di  studi) quale il saldatore, l’idraulico, l’elettricista, il muratore… e così via.
Sono lavori utilissimi e indispensabili, degnissimi , nobilissimi e compagnia bella… ma per i  figli  degli altri.
Questo forse scoraggia i giovani che, magari, dei propri studi e del proprio  futuro lavorativo   hanno una visione  diversa, rispetto a lauree, dottorati e master ma non voglio deludere i  genitori; talvolta andando  contro le proprie aspirazioni o contro le proprie capacità e possibilità, imboccano e proseguono corsi  di studi fatti di fatica e impegno, anche quando sono scelti  volentieri…ma che, imposti dalle circostanze, appaiono  irti di ostacoli  ancora più insormontabili. Studiare impone sacrifici e rinunce, anche quando si ama ciò che si studia; studiare, soprattutto per non deludere le aspettative o per appagare le ambizioni, o i desideri, dei genitori che “vogliono il meglio” per i loro virgulti, è sicuramente un peso insostenibile.
Per la difficile serenità che, forse mai, i poveri genitori di Riccardo potranno raggiungere, si spera e si auspica che la tragedia sia “solo” un terribile incidente e non un gesto volontario del figlio, oppresso dal timore di deluderli, schiacciato dalle responsabilità e dalla solitudine.

Pensando a questa e ad altre vicende, si dovrebbe far tesoro della similitudine di Khalil Gibran “Voi siete l’arco dal quale, come frecce vive, i vostri figli sono lanciati in avanti.” Con queste parole il poeta Khalil Gibran, descrive, secondo le proprie convinzioni,   il rapporto  tra genitori e figli.

I vostri figli non sono figli vostri…sono i figli e le figlie della forza stessa della Vita. / Nascono per mezzo di voi, ma non da voi./Dimorano con voi, tuttavia non vi appartengono./Potete dar loro il vostro amore, ma non le vostre idee. / Potete dare una casa al loro corpo, ma non alla loro anima, perché la loro anima abita la casa dell’avvenire che voi non potete visitare nemmeno nei vostri sogni. / Potete sforzarvi di tenere il loro passo, ma non pretendere di renderli simili a voi, perché la vita non torna indietro, né può fermarsi a ieri. /Voi siete l’arco dal quale, come frecce vive, i vostri figli sono lanciati in avanti. / L’Arciere mira al bersaglio sul sentiero dell’infinito e vi tiene tesi con tutto il suo vigore affinché le sue frecce possano andare veloci e lontane. / Lasciatevi tendere con gioia nelle mani dell’Arciere, poiché egli ama in egual misura e le frecce che volano e l’arco che rimane saldo.

Kahlil Gibran poesia tratta dal libro  “Il Profeta”  

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

**NOI CONTRO LE MAFIE**

Incontro con GIUSEPPE ANTOCI Venerdì 10 febbraio ore 21 Istituto Alcide Cervi via Fratelli Cervi 9 – Campegine (RE) conduce Pierluigi Senatore Giuseppe Antoci, ex