La violenza si puo’ educare

Condividi su i tuoi canali:

None

Abbiamo da poco trascorso la giornata contro la violenza alle donne io vorrei portare una riflessione sulla prevenzione, poiché ho letto di tante iniziative che avvengono dopo che la violenza è avvenuta. La violenza, sia psicologica che fisica, tante volte trova il suo seme nell’infanzia di entrambi i sessi. La qualità dell’amore ricevuto tra le mura di casa è spesso determinante nella vita dell’individuo ovvero un bambino ed una bambina che hanno ricevuto una buona qualità di amore in età adulta molto facilmente cercheranno quella qualità poiché è quanto hanno appreso mentre un bambino poco amato, maltrattato, che ha ricevuto poche attenzioni, a sua volta ripeterà, con grande probabilità, il modello appreso.

Quello che avviene nell’ambiente domestico è determinate e se la povertà può influenzare certi comportamenti l’avere il portafoglio pieno non può certo compensare la mancanza di certe conoscenze perciò ci possono essere tranquillamente persone ricche senza il giusto equilibrio che ripropongono un modello “malato” appreso.

Occorre arrivare ad interrompere la catena ed un possibile intervento, per me, sarebbe quello di mettere delle figure professionali (psicologi psicoterapeuti neuropsichiatri ecc..), attente e preparate, all’interno dei nidi e delle scuole di ogni ordine e grado, con il sol compito di osservare e parlare con i bambini per individuare coloro che vivono una situazione di disagio ed intervenire poi nel giusto modo per aiutare anche i genitori e farli riflettere sui loro comportamenti.

Per quanto riguarda l’omertà delle persone nel segnalare episodi di violenza, riflettiamo sulla frase “i panni sporchi si lavano in casa” , poiché siamo stati educati ad evitare ad intervenire e a vergognarci di ciò che potrebbe emergere dalle situazioni che avvengono in ambiente domestico. Con la prevenzione nelle scuole il bambino potrebbe anche apprendere che l’aiuto può darlo anche un altro individuo che non necessariamente fa parte della cerchia stretta dei parenti e riproporsi da grande nel rendere il favore

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati