La signora Maria non salva l’Italia!

Condividi su i tuoi canali:

Proprio oggi, leggendo le liste, ho scoperto con grande stupore che la mia vicina di casa è candidata alla Camera col M5S. art. di Matteo Tedeschi

 

 Il mio programma elettorale?…..Mandarli tutti a casa!!!! Così esordisce Grillo coi giornalisti che chiedono delucidazioni sul suo programma elettorale.

Un programma politico decisamente chiaro, anche se forse un tantino ermetico. L’idea proposta in fondo è simpatica, considerati i discutibili risultati di questo governo, ma la prima domanda che viene da porsi è: chi intende mettere Grillo al posto di questi cattivi gestori che tanto male hanno governato il paese? Dando un’occhiata alle liste elettorali pubblicate di recente sui quotidiani locali e nazionali spuntano fuori in effetti nomi nuovi per il M5S, mai sentiti nominare prima sulla scena politica.

 

Proprio oggi, leggendo le liste, ho scoperto con grande stupore che la mia vicina di casa è candidata alla Camera col M5S. Oddio, si tratta di una brava signora, una casalinga infaticabile che ha tirato su due figli, che quotidianamente provvede a far da mangiare ai propri cari, a tenere in ordine la casa, a spolverare, rammendare, lavare e a portare a passeggio il cane. Ma vedermela candidata alla Camera mi ha lasciato un po’ perplesso.

Nel pomeriggio l’ho incontrata e, complimentandomi con lei per la grande opportunità politica ricevuta da Grillo, le ho ingenuamente chiesto se si sentiva pronta a far fronte ad un impegno così importante con i cittadini. Lei mi ha guardato negli occhi e con uno squisito dialetto mi ha risposto che se era stata in grado di tirare su i suoi due figlioletti e di tenere su una casa, era certo anche in grado anche di far uscire dalla crisi il paese. Mi ha ribadito che non ci vogliono né titoli né sciocche nozioni universitarie per far quadrare i conti, ma solo buona volontà. Mi ha spiegato che lei si sentiva pronta per questo incarico e che non era per nulla preoccupata di non essere all’altezza o di non riuscire.

Riflettendoci bene, non so se ora sono più terrorizzato all’idea che molti dei mascalzoni oggi presenti in parlamento restino al posto loro o all’agghiacciante ipotesi che questi possano essere sostituiti da persone come la mia vicina di casa che, indubbiamente reputo per bene, onesta, seria e certo di buona volontà, ma che desta ahimè incolmabili perplessità sulle sue reali capacità di contribuire in modo costruttivo e coerente alla gestione tecnico-economica della nostra già disastrata nazione.

Beppe Grillo vuole creare un parlamento di massaie arrabbiate, ma non basta la signora Maria per salvare l’Italia!

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

24 aprile Giornata Mondiale della Sicurezza

Ifoa accende il dibattito nazionale sulle “morti bianche” con Cesare Damiano e gli esperti del settore  Reggio Emilia, 22 aprile 2024 – In occasione della Giornata Mondiale

Convocazione Consiglio Comunale

Martedì 23 aprile, ore 19.00 Il presidente Alessandro Reginato ha convocato il prossimo Consiglio Comunale di Fiorano Modenese per martedì 23 aprile 2024, ore 19.00,