La sicurezza, credo che ormai sia una speranza vana

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp

Lo Stato deve  assicurare servizi come la Sanità e altro ai cittadini che, anche per questo, pagano le tasse. Fra queste prestazioni ci dovrebbe essere anche la protezione della persona e della proprietà privata.Tuttavia, questa funzione di difesa non sembra essere percepita e talvolta girare  nelle nostre città equivale a giocare alla roulette russa. Sì, proprio quella del film Il Cacciatore con Robert De Niro.


Nessuno paga volentieri le tasse, però, pensiamo che questo gesto normale (niente di straordinario per una nazione che si dichiari civile) serva ad assicurare servizi come la sanità e altro ai cittadini. Fra queste prestazioni ci dovrebbe essere anche la protezione della persona e della proprietà privata: dal semplice furto al reato più grave di omicidio e stupro. Tuttavia, questa funzione di difesa non sembra essere percepita. Scartiamo l’ipotesi che le persone addette a questo importante servizio (quelle che genericamente chiamano Forze dell’Ordine) siano in servizio in attesa del ventisette del mese per incassare lo stipendio che è, comunque, poco. Ora, la cronaca ci riporta tutti i giorni di gravi reati.  Ad esempio, solo qualche settimana fa una ragazza è stata violentata nel vagone di un treno. Gli stessi delinquenti, scesi dalla carrozza, volevano ripetere l’odioso reato poco dopo. Sarebbe successo, se lo Stato avesse imposto e provveduto a mettere due agenti su un treno, specialmente quelli notturni e con scarsa presenza di passeggeri? Altro esempio: lo spaccio della droga. Ormai è rarissimo vedere un’auto della polizia o dei carabinieri che fermano certi personaggi che in bicicletta (adesso anche in mono pattino) sfrecciano sulle piste ciclabili per fare le “consegne a domicilio”, oppure vedere pattugliamenti in alcune zone della città impraticabili specialmente di sera. Tralascio i compiti della Polizia Municipale tutta tesa a elevare contravvenzioni per fare cassa. Una situazione che tende a peggiorare giorno dopo giorno, anche perché non credo che l’informazione sia sempre sul pezzo.  Ormai, sono decenni che dopo le 20,00 non vado in centro a Modena. Lasciare la macchina nei viali per arrivare in Piazza Grande è come giocare alla roulette russa. Sì, proprio quella del film Il Cacciatore con Robert De Niro.

[ratings]

Ultimi articoli

I nostri social

Articoli popolari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Al Dio sconosciuto

In questi  giorni, per la  prima volta credo  nella vita di tutti,  sentiamo veramente  il problema della siccità… Per quanto sia endemico, sembrava solo un

Gli italiani non votano…

Ci sono frasi che rimangono nella memoria delle persone e nella storia di un popolo. Una di queste, pare sia state detta da Vittorio Emanuele

Il salario minimo?  Davvero?

Il salario minimo verrà applicato anche agli schiavi che lavorano per tre euro l’ora, al sud e al nord, o per loro nulla cambia in

‘I dolori del giovane Giggino”

Normalmente un movimento qualunquista dura tre o quattro anni. Il M5S , che è il prototipo del qualunquismo populistico per eccellenza, è durato oltre 12