La sceneggiata

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
None

di chi  non vuole i rifiuti da Napoli… ma non si e’ mai opposto al raddoppio dell’inceneritore – e di chi si e’ battuto contro il raddoppio dell’inceneritore… ma vuole i rifiuti da Napoli

 

Di certo possiamo dire che:

 

1-        l’immondizia della Campania regalerà a Hera tanti, troppi euro a spese della salute dei modenesi. Modena è l’unica città della regione che prende i rifiuti dal Vesuvio;

 

2-        sulle migliaia di tonnellate in più da smaltire l’Assessore Caldana alza le spalle: “piccola quantità “ dice lui. Di sicuro questa è una frazione minima di ciò che il prossimo raddoppio dell’inceneritore ci vuole fare ingoiare;

 

3-        questo arrivo di rifiuti da Napoli è il primo che apre le porte a quella che diventerà la regola. Il raddoppio dell’attuale inceneritore serve a questo;

 

4-        i rifiuti che stanno arrivando da Napoli non sono differenziati quindi, mentre in tutta la provincia di Modena si attua la raccolta differenziata ed in alcuni  comuni addirittura si è attivato il ritiro dei rifiuti con il sistema del “porta a porta”, qualcuno dice si ad accogliere migliaia di tonnellate di pattume all’interno del quale potrebbero esserci anche rifiuti tossici che per legge andrebbero smaltiti in via speciale.

            C’è in corso in tale senso una sospensione della legge o possiamo fidarci della “provata competenza” del     Presidente Bassolino e del Sindaco Jervolino.

 

 

Il v. Presidente Regionale CODACONS 

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Ripensare il turismo  futuro

La tragedia della Marmolada lascia  sgomenti e annichiliti, per la gravità del bilancio che si va aggravando di ora in ora, con due cordate di

Riflessioni sull’aborto

La decisione della Corte suprema statunitense di lasciare ad ogni stato dell’Unione la libertà di legiferare sul diritto all’aborto, ha riportato in prima pagina un