La risposta arriva dalle parole del Capo dello Stato

Condividi su i tuoi canali:

None

L’errore nella presentazione delle liste c’è stato. E’ innegabile. Ma chiedo: cosa voleva il PD, correre senza avversari? Perché in gioco c’era poi questo: lasciare fuori dalle due principali regioni italiane il principale partito presente oggi in parlamento.

Mi sento quindi di citare le parole che ho trovato sul sito del Quirinale questa sera, scritte dal Presidente Napolitano:

Erano in gioco due interessi o “”beni”” entrambi meritevoli di tutela: il rispetto delle norme e delle procedure previste dalla legge e il diritto dei cittadini di scegliere col voto tra programmi e schieramenti alternativi. Non si può negare che si tratti di “”beni”” egualmente preziosi nel nostro Stato di diritto e democratico.”

 Tutto qui: c’erano due beni preziosi, e il decreto approvato e poi firmato dal Presidente ha voluto preservare un bene: non fare un male. A meno di sconfessare lo stesso Napolitano.  

 

Il Vice coordinatore regionale – PDL

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati