La riqualificazione del fiume Panaro

Condividi su i tuoi canali:

None

Si è tenuta a Vignola la presentazione dello studio dell’ Università di Firenze riferito alla riqualificazione del fiume Panaro tra Modena e Casona di Marano. L’interessante Convegno ha evidenziato come l’ uomo e la politica hanno distrutto un ecosistema naturale formatosi nel tempo.

Sono sparite le Biodiversità e il fiume ha subito considerevoli modificazioni geomorfologiche dovute alle escavazioni di ghiaia.

L ‘uomo…. i cavatori e gli interessi clientelari sono responsabili del disastro ecoambientale di una importante rete ecologica!

La Provincia di Modena ha pagato con tanti soldi uno studio che si poteva evitare applicando il buon senso, ad esempio con il divieto di escavazioni, con il divieto di costruire impianti industriali; la stessa situazione è sul fiume Secchia, che come hanno detto i relatori hanno inquinato il fiume.

La Far-Pro e il Comune di Spilamberto sono i maggiori responsabili.

Ma anche ceramiche e gli stessi agricoltori che usano a tonnellate i pesticidi!

Il Paesaggio è stato violato e i cavatori; che sono i maggiori responsabili dovrebbero pagare il danno mortale dato al fiume e alla collettività.

Le nuove pianificazioni in corso; PIAE e PTCP, sono state fortemente contestate anche dalla Consulta, perché sono la dimostrazione del fallimento della “” programmazione e gestione del territorio”” elaborate negli ultimi decenni col mito della “” crescita”” su un modello di sviluppo che ha prodotto le conseguenze che sono oggi cronaca quotidiana.

Crisi strutturale e crisi finanziaria.

Ci sono sicuramente più colpevoli, che hanno distrutto la flora e la fauna, ora c’ è la necessità di ripristinare la funzione del corridoio ecologico e la devono pagare i cavatori e dovrà essere vietata l’ escavazione per un fronte di rispetto del fiume di almeno 10 chilometri.

 

Il Presidente della Consulta per la tutela Ambientale del Comune di Modena

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Fiera di San Rocco 2022

Dal 12 al 16 agosto: cinque giorni di festa, spettacoli e tanto cibo, ad ingresso gratuito! Ecco in arrivo la ultracentenaria Fiera di san Rocco,

Corso per Clown Dottori

Si parte a ottobre, ma gli incontri di presentazione del corso sono previsti il 6 e il 10 settembre L’associazione Dìmondi Clown organizza, a partire