La ricreazione è finita

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
None

Abbiamo sentito tante volte questa frase, in grandi occasioni, da personaggi illustri e da persone “qualsiasi”, non per questo meno importanti…E certo ciascuno di noi qualche volta  l’ha detta o ha  desiderato dirla, a chi ha abusato della pazienza, a chi ha scambiato l’indulgenza per dabbenaggine, la generosità d’animo con l’idiozia…a chi passa come una macchina schiacciasassi sull’anima delle persone.

La ricreazione è finita.

Non è una frase scherzosa.

E’ una frase di esortazione e rabbia insieme.

Oggi vorrei dirla a mia volta, da persona qualsiasi, consapevole dei suoi molti doveri e dei suoi pochi diritti: la ricreazione è finita.

Vorrei dire questa frase a Curcio, la cui presenza non è gradita, ma che tuttavia mi ispira minore ripugnanza di chi, suo compagno, è diventato un borghesuccio servile.

Ma soprattutto vorrei dire questa stessa frase a ogni altro essere umano che fa della sopraffazione, della violenza, dell’ingiustizia  il suo modo di comportarsi.

La ricreazione dalla civiltà è finita.

E’ ora di rientrare in classe.

Lo chiedono le famiglie delle vittime di ogni violenza, lo chiedono con la loro muta assenza le vittime stesse, e lo chiediamo noi cittadini, perché vittime siamo anche noi, tutte le persone civili sono vittime incolpevoli di ogni delitto e di ogni violenza.

Non solo la violenza delle armi, delle vili percosse, dei calci sferrati…ma anche la violenza delle idee diffuse, in ciò  “che si dice e si scrive”

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...