La proprietà non è più un furto

Condividi su i tuoi canali:

Vittima del ""Disagio della postmodernità"", Massimo Guerrini ci parla della sua ultima disavventura che per il risarcimento della quale chiama direttamente in causa il Sindaco di Modena.

La proprietà dell’ultima mia bici è durata quattro giorni.

E’ la settima che mi rubano alla stazione. 

Sono quasi otto anni che faccio il pendolare, quindi una media accettabile, mi dicono i colleghi di viaggio.

La penultima era un vero catorcio. Me l’hanno rubata dalle rastrelliere vicino al sottopasso di via Fanti una settimana fa: credevo proprio che non avrebbe fatto gola a nessuno quella ferraglia cigolante ma mi sbagliavo. Caduto il luogo comune che recitava “”se è un catorcio nessuno se la piglia””, ho preferito acquistare da un amico di Bologna una bici di seconda mano ma tenuta bene, proprio come la moto cantata da Carboni. 

Questa volta sono andato a parcheggiare la mia Techpro bianca da donna in piazza Dante, nella rastrelliera con copertura in plexiglass a venti metri dalla stazione dei treni. L’ho fissata con due cavetti nuovi (costo 20 euro) e martedì sera, al ritorno da Bologna, ho ritrovato solo quelli, tranciati.

La bici era pure “”targata””, come si usa adesso, EN14764 il suo codice, e HA008281 il suo numero di telaio. Forse domani mi prenderò il tempo per andare a fare denuncia presso i carabinieri, di malavoglia perchè non ho nessuna speranza nè fiducia di ritrovarla: troppe esperienze negative mi hanno scoraggiato, mentre oggi ci vuole sempre più coraggio per credere nell’applicazione della giustizia.

Mentre mi rubavano l’ultima bici, in un luogo pubblico, legata saldamente ad una struttura allestita dal comune, in centro a Modena l’amministrazione raccoglieva, tramite il controllo del City Pass, 170mila euro di multe: i cittadini vanno educati alle nuove normative e punendoli imparano meglio e più in fretta.

Con meno di un decimo di quella somma il Comune poteva installare qualche videocamera per monitorare i suoi parcheggi bici, o i suoi parcheggi auto come quello in via Fanti, dove un anno fa oltre 30 auto di pendolari furono saccheggiate da ignoti. Invece ha solo aderito al programma BICI SICURA con EasyTag, la targhetta autoadesiva definita “”la protezione più efficace per la bicicletta””!

Dieci euro spesi per continuare a sperare: praticamente un gratta e vinci! 

Avevo anche sperato che alcuni politici, insieme ai comitati cittadini, dopo le prime “”ronde della sicurezza”” ripiegassero su un servizio individuale di controllo delle zone calde, affidandosi ai singoli cittadini volontari per monitorare aree pubbliche e denunciare gli abusi alle autorità competenti, ma non se ne fa nulla. Forse perchè si andrebbe a intralciare il compito dei poliziotti di quartiere; meglio allora le sfilatone con in testa i capataz, mentre i cittadini applaudono da bordo strada.

Mi sono chiesto: ma sta aumentando la micro-criminalità? Secondo Zygmunt Bauman no. Ciò che realmente esiste è la paura percepita e alimentata in maniera irresponsabile e pericolosa, una paura che diventa fobia come spiega Bauman in “”Dentro la globalizzazione”” e “”Disagio della postmodernità””. Secondo questo teorico non esiste un aumento della criminalità: ciò che sta aumentando è soltanto la paura. Inquietante, no? Eppure è vero, dopo aver subito danneggiamenti all’auto e sette furti di bici, da semplice pauroso sono diventato una persona “”fobica””. 

Signor Sindaco, il settimo furto mi ha segnato profondamente, perciò chiedo formalmente un risarcimento per danno biologico e morale causato dal perdurare dell’insicurezza delle strutture comunali che vanno sotto il nome di “”ricoveri per biciclette””.

Lei si era impegnato a rappresentare tutti i suoi cittadini, compresi quelli che per mancanza di lavoro locale sono costretti alla pena del pendolarismo, compresi quelli, come me, che non l’avevano votato e invece ha garantito, tramite le bici gialle gratuite, solo i pendolari che vengono a lavorare in centro città e presso le istituzioni cittadine.

Mi scusi, ma quella settima bici me la deve proprio rifondere.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

24 aprile Giornata Mondiale della Sicurezza

Ifoa accende il dibattito nazionale sulle “morti bianche” con Cesare Damiano e gli esperti del settore  Reggio Emilia, 22 aprile 2024 – In occasione della Giornata Mondiale

Convocazione Consiglio Comunale

Martedì 23 aprile, ore 19.00 Il presidente Alessandro Reginato ha convocato il prossimo Consiglio Comunale di Fiorano Modenese per martedì 23 aprile 2024, ore 19.00,