LA PRIMA CORSA DI ENZO FERRARI

Condividi su i tuoi canali:

None

“La straordinaria avventura del Drake e del marchese Lotario Rangoni Machiavelli”

La presentazione della nuova edizione del libro di Gian Paolo Maini si terrà mercoledì 11 dicembre alle 17,30 presso il Museo Ferrari di Maranello.

Insieme all’autore saranno presenti Piero Ferrari, Claudio Rangoni Machiavelli, Antonio Ghini e la Auto Avio 815 del 1940

 A soli due mesi dalla pubblicazione della prima edizione del libro di Gian Paolo Maini “La Prima Corsa di Enzo Ferrari. La straordinaria avventura del Drake e del marchese Lotario Rangoni Machiavelli (il libro era uscito il 2 ottobre 2013), la casa editrice Imprimatur rilancia in libreria la nuova edizione. Una nuova edizione che dà risalto al materiale fotografico grazie alla stampa su carta patinata che incornicia l’appassionante storia di Enzo Ferrari e del marchese Lotario Rangoni Machiavelli. A far da straordinaria cornice alla nuova edizione del volume sarà la vera Casa della Rossa di Maranello. Mercoledì 11 dicembre alle ore 17,30 la presentazione del libro si terrà infatti presso il Museo Ferrari di Maranello. Ospiti d’eccezione a fianco all’autore saranno il Vicepresidente della Ferrari Piero Ferrari ed il marchese Claudio Rangoni Machiavelli, rispettivamente figlio e nipote dei protagonisti del libro, e la Auto Avio 815 di proprietà di Mario Righini, una delle due Avio di cui racconta il volume. A condurre la presentazione sarà Antonio Ghini, direttore del Museo Ferrari di Maranello. Durante la presentazione saranno esposte alcune gigantografie tratte dal libro e proiettate le foto contenute nel volume.

Questa la descrizione del libro: “Venti foto inedite di Enzo Ferrari, mentre assiste al collaudo della sua prima auto da costruttore, oltre cento di altri piloti degli anni ‘40. Sulla vita di Ferrari, sulle sue vittorie sono stati scritti centinaia di libri. C’è però un periodo che è rimasto nascosto, dimenticato, mai svelato:  quello in cui la stessa Ferrari, che non poteva chiamarsi Ferrari, corse la sua prima gara. Era la Mille Miglia del 1940 ed al volante della prima macchina costruita dal Drake, la Auto Avio 815, c’era l’amico Lotario Rangoni Machiavelli, il “marchese volante”, un nobile che aveva la velocità nelle vene. Quella di Rangoni fu una vita breve, ma irripetibile: fu pilota ed aviatore, girò il mondo e corse “Mille Miglia di terra e di cielo?

1;. Centinaia di foto inedite dei due personaggi e di altri protagonisti dell’epoca come Ascari e Stanguellini arricchiscono il libro, ripercorrendo due esistenze diverse quanto eccezionali, dipingendo lo straordinario incontro e l’amicizia che li unì e li portò a vivere fianco a fianco una straordinaria avventura.

Enzo Ferrari ed il nobile affrontarono insieme la storica Mille Miglia del 1940 che avrebbe dato vita ad una leggenda che non ha fine, anzi si alimenta giorno dopo giorno. Dopo oltre settant’anni quel periodo  viene qui  finalmente raccontato, con tutti i coinvolgenti retroscena che solo la luce dell’alba del  Mito sa illuminare.

Lotario Rangoni Machiavelli non poteva immaginarlo, eppure suo è il nome che ‘apre’ la lista dei drivers scelti dal costruttore Enzo Ferrari. Dopo di lui sono venuti Ascari e Fangio, Phil Hill e John Surtees, Niki Lauda e Gilles Villeneuve, Alboreto e Berger, Schumacher ed Alonso. Questo libro porta alla luce una storia che doveva essere raccontata e rivissuta. All’alba di un Mito, e che Mito, fu presente il Marchese, protagonista di una avventura: esistenziale e sportiva da non dimenticare.

Tanti sono i misteri svelati nel libro relativi ai protagonisti ed alle auto di cui si narra, tanti sono quelli che non trovano soluzione, lasciando aperta una storia che forse solo il tempo potrà chiarire sino in fondo…

 

Mariagrazia Ferro

Ufficio stampa Imprimatur editore

340/7116077 – 0522/232222

www.imprimatureditore.it

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Il ragazzo del treno

I fatti, abbondantemente diffusi da ogni  notiziario, sono  assai  scarni nel loro  orrore. Nella stazione di Seregno, mercoledì 25 gennaio, scoppia  un diverbio, pare per

Una mossa tempestiva e anche simbolica

Giorgia Meloni è in Algeria per la sua prima visita di stato. E’ incentrata sull’energia nell’ottica del Piano Mattei, finalizzato a fare dell’Italia l’hub energetico del