La Preda Ringadora

Condividi su i tuoi canali:

Questa settimana La Preda Ringadora
propone un articolo su di un tema molto dibattuto e di non facile soluzione, l'eventuale concessione della cittadinanza ai figli di stranieri,se nati in Italia.

http://www.mo24.it/modena/attualita/2012/01/30/notizie/campagna_litalia_sono_anchio-127761.html

 

 

Modena, prosegue la campagna “L’Italia sono anch’io”

del 30 gennaio 2012

 

4mila modenesi hanno già aderito perché i figli di stranieri nati in Italia ottengano la cittadinanza

Prosegue fino a fine febbraio la campagna “L’italia sono anch’io” che prevede l’estensione del diritto di cittadinanza ai figli di stranieri nati in Italia e a quegli stranieri che risiedono da anni nel nostro paese.

A Modena, 4mila cittadini hanno già detto si. Ricordiamo che la campagna è stata promossa in occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia da 18 associazioni (guidata da Arci, Acli, Asgi, Caritas…) e ha l’approvazione del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Nella nostra città il Pd ha deciso di chiedere il coinvolgimento diretto del Comune di Modena, presentando un ordine del giorno, firmato da Stefano Prampolini, Fabio Rossi e Enrico Artioli, attraverso il quale si chiede alla Giunta di intraprendere una serie di iniziative concrete

(Continua la lettura)

 

Tratto da www.mo24.it

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

La prudenza non è mai troppa

Ritenute espressioni della saggezza popolare, i proverbi contengono una lezioncina morale o danno  consigli e come tali si accettano ; certo a volte sono insopportabili

Accogliere e inserire si può

È arrivato alle cronache il caso di Dino Baraggioli, titolare dell’Artplast di Robbio, nel Pavese, con 90 dipendenti, che – come racconta l’Agi- aveva grosse

Biden o Trump? Le ricadute per l’Europa

Al di là dell’oceano, nella capitale dell’impero, con le elezioni di novembre,  l’inquilino della casa Bianca potrebbe cambiare, ossia il presidente. Quello che ha il potere