LA NUOVA RACCOLTA DIFFERENZIATA PER PARCO, MUSICISTI E SAN MICHELE

Condividi su i tuoi canali:

Inizierà lunedì, 6 marzo, il nuovo servizio di raccolta differenziata per i quartieri Parco, Musicisti e per San Michele dei Mucchietti.

Il nuovo servizio, già iniziato in territorio di Fiorano Modenese e che a breve verrà esteso anche a Maranello e Formigine, sarà avviato a Sassuolo in cinque tappe, ognuna delle quali raggruppa diverse zone e quartieri.

La nuova raccolta differenziata, per le zone residenziali della città sarà a modello misto: carta e plastica/lattine saranno raccolti porta a porta, mentre per le altre frazioni di rifiuto rimarranno i cassonetti stradali. I cassonetti del rifiuto indifferenziato si apriranno attraverso l’uso di una tessera, la Carta Smeraldo che può essere ritirata, assieme ai kit per la raccolta differenziata, alla Casa Smeraldo.

Ricordiamo che martedì  7 marzo, si svolgerà inoltre il secondo incontro pubblico organizzato dal Gruppo Hera, in cui sono invitati i cittadini dei quartieri in zona verde: Rometta Bassa, Ospedale, Braida, San Lorenzo, Due Madonne, Madonna di Sotto, Quattroponti, Collegio

Vecchio. Un incontro informativo, che replica quello dello scorso 8 febbraio, dedicato ad illustrare le nuove modalità di raccolta rifiuti, le tempistiche ed a rispondere a dubbi e domande dei cittadini.

L’incontro pubblico si svolgerà, a partire dalle ore 20,30, presso l’Aula Magna dell’Istituto Volta in piazza Falcone e Borsellino 4.

Le serate possono essere seguite anche in modalità online, partecipando da PC o smartphone:

https://youtu.be/wKBBEl-HVyE
https://us02web.zoom.us/j/87853047523
[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

La tragedia di Firenze

Il disastroso crollo nel cantiere edile in via dei Martiri, a Firenze,  oltre al problema della sicurezza, drammaticamente ha rivelato cose che purtroppo, pur essendo

Mons. Giacomo Morandi e il suo Non Expedit

Subito dopo l’Unità d’Italia, alcuni sacerdoti prima e poi voci della Chiesa  sempre più ufficiali dichiararono sconveniente e quindi inaccettabile la partecipazione dei cattolici alle