La Nostra Cattedrale.

Condividi su i tuoi canali:

None

Domenica scorsa (13-11-05) mi sono recata in Duomo per assistere alla funzione folenne che commemorava
la nostra Madonna della Piazza.   

Devo dire che è stata una funzione suggestiva, il Coro del Duomo, pur avendo partecipato alla funzione  della precedente Messa in Latino, ci ha accompagnato anche durante questa celebrazione.

Vorrei estendere a tutti loro un mio personale omaggio di ringraziamento .  

Purtroppo, ho osservato che  oltre alle transenne poste per tutelare i passanti dopo il “”crollo”” di una lastra di marmo della facciata ,anche  la porta della Pescheria è stata puntellata.  
Una visibile crepa attraversa l’architrave l’arcata e superiore . Uno dei due ibis che lottano con un serpente è “”tagliato in due””. Speriamo che la nostra bellissima Cattedrale non debba restare a lungo in questa situazione, infondo è tra i  Patrimoni protetti dall’UNESCO . Per la particolarità delle fondamenta da cui è sorretta,forse, sarebbe il caso che intervenissero celermente.          

La  nostra Cattedrale  è raffigurata su  tutti i più importanti testi di arte come esempio di Architettura Romanica,
mi sento di dire che essa non è Solo una parrocchia tra le tante della città, se ci pensiamo bene rappresenta tutta la nostra bella città.            

Sarebbe bello vedere che tutti i Modenesi , indipendentemente se religiosi o meno (insomma i “”PEPPONI”” ), fossero uniti  nell’impegno che il “” Nostro Parroco “”, Don Rino Annovi da tempo ci chiede.  

Personalmente spero che i lavori non siano bloccati da pratiche burocratiche con tempi d’intervento assai  lunghi, e soprattutto, non si attendano  ulteriori danneggiamenti .

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Il ragazzo del treno

I fatti, abbondantemente diffusi da ogni  notiziario, sono  assai  scarni nel loro  orrore. Nella stazione di Seregno, mercoledì 25 gennaio, scoppia  un diverbio, pare per